Announcement

Collapse
No announcement yet.

Raccomandazioni per la sorveglianza delle infezioni umane causate dal nuovo coronavirus, versione provvisoria, 28 novembre 2012 (OMS, adattato)

Collapse
X
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Raccomandazioni per la sorveglianza delle infezioni umane causate dal nuovo coronavirus, versione provvisoria, 28 novembre 2012 (OMS, adattato)

    [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, documento PDF originale in Inglese: (LINK). Testo tradotto e adattato.]


    Raccomandazioni per la sorveglianza delle infezioni umane causate dal nuovo coronavirus, versione provvisoria, 28 novembre 2012


    Sulla base delle informazioni raccolte nel periodo intercorso dalla pubblicazione delle raccomandazioni per la sorveglianza originali, l’OMS ne presenta una versione aggiornata. L’OMS modificherà queste linee guida nel tempo in base alle informazioni che verranno rese disponibili.



    Aggiornamento

    Al 28 novembre 2012 sono stati confermati sette casi di infezione umana da nuovo coronavirus, oltre ad un caso probabile.

    Questi casi sono comparsi in un periodo di tempo compreso fra giugno e novembre 2012 in diverse località attorno alle città di Jeddah e Riyadh, in Arabia Saudita (citta che sono distanti fra loro 850 km), e a Doha, in Qatar.

    L’infezione causata da questo virus sembra essere stata contratta localmente in ognuna di queste situazioni.

    Tutti I pazienti sono di sesso maschile anche se il significato di questo fatto rimane sconosciuto.

    Il quadro clinico in tutti I casi comprendeva una infezione respiratoria acuta con segni e sintomi di polmonite.

    Quattro pazienti hanno sviluppato insufficienza renale; uno di questi è deceduto.

    I restanti tre casi presentavano polmonite che ha richiesto il ricovero in terapia intensiva, senza insufficienza renale, e sono guariti dalla malattia.

    Tre casi confermati e uno probabile appartenevano a un singolo nucleo famigliare e vivevano nella stessa abitazione.

    La fonte del virus è ignota cosiccome il modo di trasmissione.

    La seguenza genica disponibile indica che il virus è correlato a un coronavirus presente nel pipistrello; tuttavia questo non supporta in modo conclusivo l’ipotesi che il pipistrello rappresenti la riserva naturale del virus.

    Le indagini preliminari non supportano il contatto diretto con il pipistrello come modalità di trasmissione del virus.

    I nuovi casi dimostrano che il virus ormai persiste da un periodo di tempo superiore ai cinque mesi ed è geograficamente distribuito in una regione più ampia di quanto facessero supporre I primi due casi.

    Dato che l’esatta misura di questa estensione non è nota, l’OMS sta agendo con prudenza includendo nelle raccomandazioni una espansione della sorveglianza anche per gli altri Paesi.

    Quanto segue dovrà essere indagato con cura e valutato per la ricerca del nuovo coronavirus:
    1. Pazienti sottoposti ad indagine
      • Un soggetto con una infezione respiratoria acuta, che può includere la presenza di febbre (≥ 38°C , 100.4°F) e tosse
        • E
      • Sospetto di malattia polmonare parenchinale (ad esempio polmonite o Sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS)), basao su evidenze cliniche o radiologiche di consolidamento.
        • E
      • Residenza o storia di viaggi nella Penisola arabica o nei Paesi confinanti nei dieci giorni precedenti l’esordio dei sintomi.
        • E
      • Malattia non spiegata da una qualunque altra infezione o eziologia (1), comprese le patologie per le quali sono clinicamente indicate le analisi di laboratorio e I test per le polmoniti acquisite in comunità secondo I criteri stabiliti localmente. Non è necessario che tutti I risultati dei test per gli altri patogeni siano pervenuti per l’effettuazione della ricerca del nuovo coronavirus.
    2. Soggetti malati che sono entrati in contatto con casi confermati, probabili
      • I soggetti con malattia respiratoria acuta di un qualunque grado di gravità che, nei dieci giorni precedenti l’esordio dei sintomi, siano stati in contatto fisico ravvicinato (2) con un caso confermato o probabile di infezione da nuovo coronavirus mentre questi era ammalato
      • Qualsiasi soggetto che abbia avuto contatti ravvicinati con un caso probabile o confermato mentre il caso probabile o confermato era ammalato dovrebbe essere monitorato attentamente per l’identificazione di sintomi respiratori.
      • Se I sintomi compaiono nei primi dieci giorni dopo il contatto, il soggetto dovrebbe essere considerato un ‘paziente sottoposto ad indagine’, qualunque sia la gravità della malattia, e valutato di conseguenza.
    3. Cluster
      • Qualsiasi cluster(3) di infezioni respiratorie acute severe (SARI)(4), in particolare se coinvolgono pazienti che richiedono terapia intensiva, qualunque sia il luogo di residenza o la storia di viaggi pregressi
        • E
      • Non spiegato da qualunque altra malattia o eziologia, comprese quelle per le quali si effettuano I test di ricerca per le polmoniti acquisite in comunità, secondo quanto stabilito dalle linee guida locali.
    4. Personale sanitario:
      • Il personale sanitario che abbia gestito pazienti affetti da infezioni respiratorie acute severe, specie se I pazienti hanno richiesto la terapia intensiva, e che sviluppi polmonite inspiegabile, qualunque sia il luogo di residenza o la storia di viaggi pregressi.

    Raccomandazioni per la sorveglianza accentuata:
    • I sanitari dovrebbero notificare immediatamente alle autorità nazionali, tramite l’utilizzo dei canali stabiliti, tutti I soggetti per I quali si raccomandano le indagini come sopra descritto.
    • Dovrebbero seguire I protocolli esistenti per la sorveglianza della malattie respiratorie, inclusa la sorveglianza per I cluster e per gli eventi respiratori inusuali.
    • In base alle informazioni di cui l’OMS attualmente è in possesso per I casi confermati, non si ravvisa la necessità di installare punti di screening speciali alle frontiere riguardo questo evento nè si raccomanda l’adozione di misure restrittive ai viaggi o ai commerci.
    • Gli Stati Membri che hanno capacità di laboratorio dovrebbero considerare la ricerca del nuovo coronavirus anche per:
      • I pazienti affetti da polmonite che presentino un inusuale decorso clinico grave per I quali non sia stata determinata l’eziologia, qualunque sia il luogo di residenza e la storia di viaggi pregressa.
      • I campioni clinici conservati per la diagnosi retrospettiva di pazienti con polmonite di eziologia sconosciuta.

    Notifica:

    L’OMS richiede che I casi confermati e probabili siano notificati entro 24 ore dalla loro classificazione, attraverso I Punti di Contatto Regionali in accordo ai Regolamenti Sanitari Internazionali, agli appropriati Uffici OMS Regionali.

    __________________________
    (1) Esempi di altre eziologie: Streptococcus pneumoniae, Haemophilus influenzae type B, Legionella pneumophila, altre polmoniti batteriche primarie, influenza, e virus respiratorio sinciziale.
    (2) Un soggetto con contatto ravvicinato è definito come:
    • Chiunque abbia fornito assistenza al paziente, compreso il personale sanitario o il famigliare, o chi abbia avuto un contatto ravvicinato fisico;
    • Chiunque sia stato nello stesso posto (per esempio convivente, visitatore) di un caso confermato o probabile mentre questi era ammalato.
    (3) Un “cluster” è definito come: due o più soggetti con infezione respiratoria acuta severa (SARI) con esordio dei sintomi nelle stesse due settimane, accomunati da un luogo di permanenza comune, come ad esempio, una classe scolastica, un appartamento famigliare, una famiglia estesa, ospedale e altra istituzione residenziale, caserma o gruppo ricreativo.
    (4) Una Infezione Respiratoria Acuta Severa (SARI) è defnita come:
    • Una infezione respiratoria acuta con:
      • sintomi febbrili o temperatura misurata superiore ai 38°C e tosse;
      • con esordio negli ultimi sette giorni;
      • che ha richiesto il ricovero in ospedale.
        • E
      • non spiegata da qualunque altra malattia o eziologia, comprese quelle per le quali si effettuano le analisi per le pomoniti acquisite in comunità secondo quanto previsto dalle linee guida locali.
    -
    ------

  • #2
    Re: Raccomandazioni per la sorveglianza delle infezioni umane causate dal nuovo coronavirus, versione provvisoria, 28 novembre 2012 (OMS, adattato)

    ERRATA: I paragrafi 5,6,7 e 8 nel documento sopra riportato sono stati modificati dall'OMS come segue:

    (Fonte: OMS, http://www.who.int/csr/disease/coron...n_28Nov12u.pdf )

    Il quadro clinico in tutti i casi comprende una infezione respiratoria acuta con segni e sintomi di polmonite.

    Dei sette casi confermati, cinque hanno sviluppato insufficienza renale acuta e tre di questi sono deceduti.

    Il restanti due casi confermati hanno sviluppato una polmonite che ha richiesto il trattamento in terapia intensiva, senza tuttavia presentare insufficienza renale; i due pazienti sono guariti.

    Tre dei sette casi conafermati e il caso probabile facevano parte di una singola famiglia e vivevano nella stessa abitazione.


    -
    -----

    Comment

    Working...
    X