Announcement

Collapse
No announcement yet.

Fatti del 2011, Economia, Lavoro, Società - Archivio

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Fatti del 2011, Economia, Lavoro, Società - Archivio

    [Fonte: RaiNews24, articolo completo: (LINK).]
    Esperta: "Senza interventi sui rifiuti, inabitabilità"



    ‎22 ‎giugno ‎2011 | Rainews24@rai.it (rainews24)

    "Se entro 24-36 ore, con le temperature che stanno continuando a crescere, non sarà rimossa la spazzatura dalle strade di Napoli credo si possano creare gli estremi per la chiusura degli esercizi commerciali, dei ristoranti, delle rivendite alimentari e, addirittura, ritengo sia messa in pericolo l'abitabilità di alcuni quartieri della città e di alcuni comuni della provincia". Lo ha detto Maria Triassi, direttore del Dipartimento di Igiene ospedaliera. Assessore Campania: senza decreto è stato di emergenza.

    - -----

  • #2
    Guasto in ospedale, morto bimbo di 9 anni a Torino (RaiNews24, 29 giugno 2011, adattato)

    [Fonte: RaiNews24, articolo complet: (LINK).]


    Guasto in ospedale, morto bimbo di 9 anni a Torino


    ‎Oggi ‎29 ‎giugno ‎2011 | Rainews24@rai.it (rainews24)

    Sono sei i bambini coinvolti nell'incidente avvenuto nell'ospedale Regina Margherita di Torino. Cinque di loro stanno bene e non si sono accorti del problema nella distribuzione dell'ossigeno. Il bambino deceduto respirava ossigeno puro al cento per cento, per cui ha subito conseguenze letali.

    (...)
    -
    -------

    Comment


    • #3
      Re: Guasto in ospedale, morto bimbo di 9 anni a Torino (RaiNews24, 29 giugno 2011, adattato)

      [Fonte: Il Fatto Quotidiano, articolo completo: (LINK).]
      Torino, guasto all’impianto dell’ossigeno, muore bimbo di nove anni



      ‎29 ‎giugno ‎2011 | Redazione


      Un bambino di origine venezuelane è morto poco prima delle 16.00 all’ospedale Regina Margherita di Torino a causa di un guasto alla centrale di distribuzione dell’ossigeno dove erano in corso dei lavori. Il bambino, che avrebbe compiuto 10 anni ad agosto, era un paziente oncologico dell’ospedale e si trovava ricoverato in condizioni gravissime.
      (…)
      - -------

      Comment


      • #4
        Trovato ordigno sulla Tav Roma-Napoli (RaiNews24, 14 luglio 2011, adattato)

        [Fonte: RaiNews24, articolo completo: (LINK).]
        Trovato ordigno sulla Tav Roma-Napoli



        Un ordigno lungo un metro e mezzo e' stato rinvenuto la scorsa notte lungo la linea dell'alta velocita' Roma-Napoli nel tratto in provincia di Frosinone. L'ordigno era sotto un cavalcavia

        Roma, 14-07-2011


        Un ordigno lungo un metro e mezzo e' stato rinvenuto la scorsa notte lungo la linea dell'alta velocita' Roma-Napoli nel tratto in provincia di Frosinone.

        L'ordigno, che sarebbe servito per un attentato, si trovava sotto un cavalcavia della tratta ferroviaria tra Ceccano e Castro dei Volsci ed e' stato individuato dagli agenti della
        Digos di Frosinone che stanno ora indagando sull'accaduto.

        L'ordigno, formato da un razzo terra-aria, era collegato a una scatola con dei fili e sembra che fosse pronto per essere lanciato al momento del passaggio di uno dei tanti treni.

        Sulla vicenda la procura della Repubblica di Frosinone ha aperto un'inchiesta contro ignoti.

        La scoperta e' stata fatta durante un'ispezione notturna della Digos nell'ambito di controlli disposti dal Questore di Frosinone lungo la linea dell'Alta velocita'.

        -
        ------

        Comment


        • #5
          Re: Trovato ordigno sulla Tav Roma-Napoli (RaiNews24, 14 luglio 2011, adattato)

          La notizia di cui sopra - relativa al ritrovamento di un dispositivo probabilmente utilizzato in campo militare - non è del tutto chiara, soprattutto per quanto riguarda la presenza di esplosivo all'interno dell'oggetto.

          Diversi articolo che stanno comparendo sul web indicano la presenza di dispositivi di controllo remoto ma non viene chiarito se funzionanti oppure no.

          In attesa di ulteriori chiarimenti da parte delle autorità e maggiori notizie da fonti giornalistiche degne di fiducia, al momento il fatto non può essere obiettivamente classificato come 'atto terroristico'.

          Prego i lettori di seguire le agenzie di stampa per gli eventuali sviluppi.

          Il pezzo riprodotto sopra è stato diffuso da RaiNews24, ma alcune considerazioni presenti nello stesso non sembrano corrispondere a quanto riportato da altre fonti.

          Il Mod.(Giuseppe Michieli)

          Comment


          • #6
            Le scialuppe che non salveranno l'Ue (Il Manifesto, 6 agosto 2011, estratto)

            [Fonte: Il Manifesto, articolo completo: (LINK). Estratto.]

            di Immanuel Wallerstein
            Le scialuppe che non salveranno l'Ue



            La posizione ufficiale quasi dappertutto è che l'economia-mondo presto si riprenderà, se solo facciamo questo o quello. Ma il fatto è che nessuno - né i governi, né le le megabanche e nemmeno gli economisti coi paraocchi - ci crede davvero. Il mondo attraversa una depressione e vacilla sull'orlo del vero e proprio crollo. Nessuno da nessuna parte sarà esente dalle ripercussioni negative di quel crollo anche se pochi fortunati riusciranno ad approfittarne per arricchirsi. La maggiore preoccupazione dei governi non è come farcela brillantemente ma solo come fare a uscirne un po' meno peggio degli altri stati.
            (…)
            - -------

            Comment


            • #7
              Bozza di delega per la riforma fiscale e assistenziale: prime analisi e commenti (a cura di ANFFAS, Brescia, estratto)

              [Fonte: ANFFAS, Brescia, documento PDF completo: (LINK). Estratto, adattato.]

              Bozza di delega per la riforma fiscale e assistenziale: prime analisi e commenti


              A cura dell’Area comunicazione e politiche sociali Anffas Onlus (1)



              Dopo l’approfondimento dedicato alla nuova “manovra finanziaria” diffuso dalla nostra associazione la scorsa settimana, come anticipato, prosegue l’attività di Anffas Onlus di analisi e monitoraggio delle azioni in cantiere, da parte del Governo e del Parlamento, che avranno sicure ed importanti ripercussioni sulla vita delle persone con disabilità e delle loro famiglie.

              Prendiamo dunque, qui, in esame la bozza di legge delega per la riforma fiscale e assistenziale approvata lo scorso 30 giugno dal Consiglio dei Ministri (la bozza di testo è disponibile al seguente (LINK)).

              Il testo approvato consta di 10 articoli: nove dedicati alla riforma fiscale e uno (art. 10, articolato in 4 commi) dedicato alla riforma assistenziale (interventi di riqualificazione e riordino della spesa in materia sociale).

              Il disegno di legge approvato dal Consiglio dei Ministri fissa in due anni dall’entrata in vigore della legge 2 il termine per emanare uno o più decreti legislativi finalizzati a tre obiettivi:
              • “riqualificazione e integrazione delle prestazioni socio assistenziali in favore dei soggetti autenticamente bisognosi”
              • “trasferimento ai livello di governo più prossimi ai cittadini delle funzioni compatibili con i principi di efficacia e adeguatezza”
              • “promozione dell’offerta sussidiaria di servizi da parte delle famiglie e delle organizzazioni con finalità sociali”
              Per capire un po’ di più le – probabili – fisionomie delle azioni connesse a tali obiettivi può essere utile collegare tra loro non solo le premesse dell’art. 10 e i 6 criteri fissati nel testo in esame, ma ricordare alcune indicazioni di carattere programmatico contenute nel Libro Verde del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (ai tempi, luglio 2008, il Ministero incorporava anche i temi della Salute) e la recentissima Legge 15.07.2011 n.111 3 (cd “Manovra finanziaria”).

              Le premesse sono tre: il rispetto dei vincoli di disciplina del bilancio, gli artt. 117, comma 2 lett. m e 118 della Costituzione e la separazione del dovere fiscale da quello di assistenza sociale (il riferimento, non citato, è all’art. 24 comma 1 L.8.11.2000 n.328)

              (…)


              (1) Hanno collaborato al presente testo: Marco Faini (consulente), Roberta Speziale (Responsabile), Gianfranco de Robertis (consulente legale)

              (2) Si ricorda che il testo qui analizzato è una bozza di legge che dovrà seguire l’iter parlamentare di approvazione indicato dallo stesso disegno di legge, e comunque nell’ambito dell’iter ordinario previsto per l’approvazione delle Leggi (su questo si legga quanto pubblicato sul sito della Camera dei Deputati – (LINK))

              (3) Conversione in Legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2011 n.98 recante disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria (in G.U. serie generale anno 152° n 164 del 16.07.2011)


              -
              ------

              Comment


              • #8
                Roma, Violenza alla manifestazione degli 'Indignati', slideshow del 'Fatto Quotidiano' - Rome, Indignates Movement gathering in Rome turns violent

                Uno slideshow è stato pubblicato sul sito web del Fatto Quotidiano con le piu' recenti immagini della manifestazione degli 'Indignati' a Roma, che ha visto una esplosione di violenza, con feriti, incendi e atti vandalici.

                Lo slide è visualizzabile seguendo questo link: http://www.flickr.com//photos/ilfatt...73839739/show/

                Il sito offre una ampia copertura testuale e video di quanto è accaduto a Roma oggi pomeriggio. (IOH)

                Comment


                • #9
                  Re: Roma, Violenza alla manifestazione degli 'Indignati', slideshow del 'Fatto Quotidiano' - Rome, Indignates Movement gathering in Rome turns violent

                  [Fonte: il Manifesto, testo completo: (LINK). Estratto, adattato.]

                  Un'onda indignata attraversa Roma

                  15 ottobre 2011 (redazione)

                  Era nell'aria che non sarebbe stata una manifestazione solo pacifica, come era nell'aria che sarebbe stata una manifestazione oceanica. Entrambe le cose si sono verificate: "Europe Rise Up" per gli italiani è stato un appello che ha fatto subito proseliti: una data, quella di oggi, per ricondurre in piazza i tantissimi movimenti, le innumerevoli vertenze che in questi ultimi due anni hanno attraversato un'Italia fiaccata dalla crisi e da un governo debole e arrogante.

                  Mentre scriviamo sono ancora in atto violenti scontri sia a piazza San Giovanni che a piazza Vittorio, dove una parte del corteo per cui è stato impossibile arrivare a piazza San Giovanni - dove avrebbe dovuto finire la manifestazione - aveva ripiegato.


                  La cronaca racconta una manifestazione determinata, fortemente politica, ricca di contenuti e determinata. Dal popolo dei referendum, ai terremotati dell'Aquila, dai cassaintegrati, ai precari. Dagli operai della Fiat a quelli dell'Asinara, dalla scuola pubblica ai no Tav. Tutte le facce dell'Italia che resiste e dell'Italia che non è pacificata. Sono arrivati a Roma con pullman da tutte le città d'Italia, che stamattina risultavano stra pieni, stupendo anche le organizzazioni, che non si aspettavano una partecipazione così entusiastica.


                  (…)
                  -
                  ------

                  Comment


                  • #10
                    Cinquecento licenziamenti alla Sanofi-Aventis Chiusura in vista per la ricerca a Milano (Il Fatto Quotidiano, 21 novembre 2011)

                    [Source: Il Fatto Quotidiano, testo completo: (LINK). Estratto.]
                    Cinquecento licenziamenti alla Sanofi-Aventis Chiusura in vista per la ricerca a Milano



                    ‎21 ‎novembre ‎2011 | Felicia Buonomo


                    Chiusura del centro di ricerca di Milano e 500 licenziamenti. E’ quanto prevede il piano di ristrutturazione “lacrime e sangue”, presentato dalla multinazionale farmaceutica francese Sanofi-Aventis negli scorsi giorni ai sindacati. Immediata è stata la reazione dei 3400 lavoratori del gruppo che hanno dato vita ad uno sciopero di otto ore lo scorso venerdì e che reitereranno l’iniziativa il prossimo 2 dicembre. Entrando nel dettaglio dell’indigesto piano aziendale, si osserva infatti come sia previsto il licenziamento di ben 500 persone, con annessa chiusura del centro di ricerca di Milano (in cui sono impiegati 60 lavoratori), riduzioni di organico del 10-15% nell’area dell’informazione scientifica e di circa il 10% nella sede milanese. (…)
                    - ------

                    Comment


                    • #11
                      Ungheria, i senzatetto diventano fuorilegge (PeaceReporter, 1 dicembre 2011, estratto)

                      [Fonte: Peace Reporter, testo completo: (LINK). Estratto.]

                      01/12/2011


                      Ungheria, i senzatetto diventano fuorilegge


                      Le associazioni di volontariato sul piede di guerra per difendere i diritti - In Ungheria è entrata in vigore una nuova legge che prevede per chi dorme sulla strada una sanzione di circa 600 dollari o la prigione.

                      (…)
                      - ------

                      Comment


                      • #12
                        Ecco il "decreto salva Italia": mazzata sulle pensioni, salta l'Irpef (Il Manifesto, 5 dicembre 2011, estratto)

                        [Fonte: Il Manifesto, testo completo: (LINK). Estratto.]

                        Ecco il "decreto salva Italia": mazzata sulle pensioni, salta l'Irpef


                        Redazione - 04.12.2011


                        "L'Italia deve recuperare gli errori della vecchia poitica". Monti paga in prima persona e annuncia: "Rinuncio al mio compenso". Per il resto, pagano i soliti noti: le voci che porteranno maggiori entrate saranno pensioni e tasse sulla casa. Salta il ritoco dell'Irpef per i redditi più alti, sgravi alle imprese che assumono. Ma i capitali scudati pagheranno l'una tantum dell'1,5%. "L'Italia deve recuperare una posizione debole, dovuta a una politica che per troppi anni, nel passato, ha preso delle decisioni non pensando alle generazioni future ma alle ellezioni successive". Il presidente del Consiglio Mario Monti ha iniziato così la presentazione della (prima?) manovra del governo "tecnico". Un decreto da 20 miliardi, pù 4 di delegato fiscale, che lo stesso Monti suggerisce di chiamare "decreto salva Italia".

                        (…)
                        - ------

                        Comment


                        • #13
                          Fatti del 2011, Economia, Lavoro, Società - Archivio

                          Questo archivio contiene alcune notizie di interesse in campo economico, sociale e del mondo del lavoro raccolte durante il 2011.

                          Comment

                          Working...
                          X