Announcement

Collapse
No announcement yet.

Dichiarazione OMS al termine della Quarta Riunione del Comitato di Emergenza IHR in relazione al virus MERS-CoV (4 dicembre 2013, adattato)

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Dichiarazione OMS al termine della Quarta Riunione del Comitato di Emergenza IHR in relazione al virus MERS-CoV (4 dicembre 2013, adattato)

    [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale in Inglese: (LINK). Testo tradotto e adattato.]


    Dichiarazione OMS al termine della Quarta Riunione del Comitato di Emergenza IHR in relazione al virus MERS-CoV

    Dichiarazione OMS / 4 dicembre 2013


    La Quarta Riunione del Comitato di Emergenza richiesta dal Direttore Generale in accordo a quanto previsto dai Regolamenti Sanitari Internazionali (2005) [IHR (2005)] riguardo il virus MERS-CoV si è tenuta via teleconferenza nella giornata di mercoledì 4 dicembre 2013, dalle ore 12.00 alle ore 15.00 (ora locale di Ginevra).

    Oltre ai Membri del Comitato di Emergenza, altri due consulenti ne hanno fatto parte<SUP>1</SUP>. Alcuni fra I Paesi affetti che hanno di recente registrato casi umani di infezione da MERS-CoV – fra cui il Regno di Arabia Saudita, il Kuwait, l’Oman, il Qatar e la Spagna – erano altresì presenti alla teleconferenza.

    Nel corso della sessione informativa dell’incontro, il Segretariato OMS ha fornito un aggiornamento sulla situazione e una valutazione epidemiologica, oltre che informazioni sugli sviluppi nella ricerca scientifica, inclusa una descrizione dei casi nel corso del tempo, e con particolare riferimento ai recenti clusteri di casi, la diagnosi di laboratorio tramite uso di reazione a catena della polimerasi del virus MERS-CoV nei cammelli, le attività preparazione alle emergenze sanitarie e l’esperienza durante il recente pellegrinaggio dell’Hajj.

    I Paesi affetti di cui sopra hanno presentato I dati sui recenti sviluppi nei loro Paesi.

    Dopo la discussione e la deliberazione sulla base delle informazioni fornite, il Comitato ha concluso che non si ravvedono motivi per modificare la precedente conclusione presentata al Direttore Generale. In base alla valutazione del rischio, date le informazioni disponibili, la decisione unanime del Comitato è che al momento non sono state raggiunte le condizioni per dichiarare una Emergenza Sanitaria di Pertinenza Internazionale (PHEIC).

    La situazione continua a destare preoccupazione a causa del persistere dei casi e dopo che è il virus è stato rinvenuto nei cammelli.

    Sebbene gli eventi attuali non costituiscano una PHEIC, il Comitato ha ribadito il suo precedente avviso all’OMS e agli Stati Membri, come di seguito specificato:
    • rafforzamento della sorveglianza, inclusa nei Paesi di origine dei pellegrini;
    • continuare ad aumentare la consapevolezza fra il pubblico e implementare una comunicazione del rischio efficace per quanto concerne il MERS-CoV;
    • sostenere I Paesi che sono particolarmente vulnerabili, specie quelli dell’Africa sub-sahariana, tenendo conto delle problematiche regionali;
    • aumentare le capacità diagnostiche di laboratorio;
    • continuare con il lavoro di indagine, specie riguardo l’identificazione della fonte del virus e delle vie di esposizione attraverso studi controllati e altre ricerche;
    • condivisione tempestiva delle informazioni in accordo a quanto previsto dai Regolamenti Sanitari Internazionali (2005) e coordinamento attivo con l’OMS.

    Sulla base di quanto avvenuto nel periodo intercorso fra questo incontro e il precedente, il Comitato sottolinea che:
    • è necessario effettuare studi investigativi, anche a livello internazionale, sierologici, ambientali, e all’interfaccia uomo-animale, per meglio comprendere I fattori di rischio e l’epidemiologia;
    • è necessario rivedere e rafforzare ulteriormente gli strumenti come le definizioni di caso standardizzate, la sorveglianza e le misure di prevenzione e controllo delle infezioni.

    Il Comitato ha espresso il suo plauso al Regno di Arabia Saudita per la sua estesa attività di preparazione alle emergenze sanitarie, alla sorveglianza e alla gestione del pellegrinaggio Hajj.

    Come fatto sin dal primo incontro, il Segretariato OMS continua a fornire regolari aggiornamenti ai Membri del Comitato e ai Consiglieri. Riguardo la riconvocazione del Comitato, è stata suggerita la data del merzo 2014 come più appropriata (al termine dell’inverno boreale).

    Se un qualunque fatto rilevante dovesse avvenire il Comitato potrà essere riconvocato anche prima.

    Sulla base di queste conclusioni, e tenendo conto delle informazioni disponibili, il Direttore Generale accetta la valutazione espressa dal Comitato. Il Direttore Generale ringrazia I Membri del Comitato e I Consiglieri per queste valutazioni.
    ________
    <SUP></SUP>
    <SUP>1</SUP> I nomi e le biografie dei Consiglieri e dei Membri del Comitato di Emergenza sono disponibili seguendo I link di seguito indicati.

    ________

    Informazioni di contatto: Gregory Härtl, WHO Spokesperson, Coordinator, News, Social Media and Monitoring, Department of Communications, WHO, Geneva, Mobile: +41 79 203 6715, E-mail: hartlg@who.int


    -
    -------
Working...
X