Announcement

Collapse
No announcement yet.

MERS-CoV, Medio Oriente e Nord Africa: Aggiornamenti OMS (Archivio 2013)

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • MERS-CoV, Medio Oriente e Nord Africa: Aggiornamenti OMS (Archivio 2013)

    [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale in Inglese: (LINK). Testo tradotto e adattato.]
    Nuovo Coronavirus, aggiornamento

    22 maggio 2013


    Il Ministero della Sanità della Tunisia ha notificato all’OMS due casi confermati e un caso probabile di infezione da nuovo coronavirus (NCoV). I casi sono stati diagnosticati tramite analisi di laboratorio.

    I due casi confermati riguardano, rispettivamente, un uomo di 34 anni e una donna di 35, fratello e sorella.

    Entrambi hanno sviluppato una sintomatologia lieve e non hanno richiesto ricovero in ospedale.

    Indagini retrospettive sui casi hanno rivelato che il caso probabile, loro padre, un uomo di 66 anni – aveva sviluppato la malattia tre giorni dopo essere tornato da una visita in Qatar e Arabia Saudita il 3 maggio scorso.

    L’uomo era stato ricoverato in ospedale dopo aver sviluppato sintomi respiratori. Le sue condizioni sono peggiorate ed è deceduto il 10 maggio 2013. Il paziente soffriva di condizioni mediche pregresse. I test di laboratorio iniziali erano risultati negativi per il nCoV.

    Ulteriori indagini sono in corso su questa epidemia familiare e I soggetti entrati in contatto con I pazienti e I familiari sono sottoposti a sorveglianza sanitaria per qualsiasi sintomo inusuale.

    Questi sono I primi casi confermati di infezione da nCoV in Tunisia.

    In Arabia Saudita un paziente precedentemente notificato e scoperto durante le indagini sull’epidemia nosocomiale iniziata al principio di aprile 2013, è deceduto.

    Alla data di oggi, l’epidemia in corso nella parte orientale del Paese ha causato 22 casi di cui 10 con esito fatale. Il governo continua le indagini su questa epidemia.

    Globalmente, da settembre 2012 e fino alla data attuale, l’OMS è stata informata su 43 casi confermati di infezione da nCoV, di cui 21 con esito fatale.

    Vari Paesi nel Medio Oriente sono stati affetti dal virus: Giordania, Qatar, Arabia Saudita, e Emirati Arabi Uniti (UAE).

    Altri casi sono stati riportati in quattro altri Paesi: Francia, Germania, Tunisia e Gran Bretagna.

    Tutti I casi avevano avuto connessioni dirette o indirette con il Medio Oriente, compresi due casi con storia di viaggi recenti negli Emirati Arabi Uniti.

    In Francia e in Gran Bretagna si è verificata una trasmissione locale ma limitata fra soggetti entrati in stretto contatto con I casi; questi soggetti non avevano compiuto viaggi in Medio Oriente ma erano stati in contatto con viaggiatori appena tornati dall’area.

    In base alla situazione attuale e alle informazioni disponibili, l’OMS incoraggia tutti gli Stati Membri a continuare la sorveglianza per le Infezioni Respiratorie Acute Severe (SARI) e ad esaminare con attenzione ogni quadro inusuale.

    Al personale sanitario si consiglia di mantenere la vigilanza per quei soggetti che di ritorno da viaggi in Medio Oriente si presentino con Infezioni Respiratorie Acute Severe. In questo caso I soggetti dovrebbero essere sottoposti a test per la ricerca del nCoV come previsto dalle raccomandazioni per la sorveglianza correnti.

    I campioni da esaminare dovrebbero essere prelevati dalle basse vie respiratorie, quando possibile.

    Ai medici si ricorda di considerare l’infezione da nCoV anche in presenza di segni e sintomi atipici, come per esempio la diarrea, specie in pazienti immunocompromessi.

    Agli stabilimenti ospedalieri si ricorda l’importanza della sistematica implementazione delle misure di prevenzione e controllo delle infezioni (IPC).

    Gli stabilimenti ospedalieri che hanno in gestione pazienti con infezione sospetta da nCoV dovrebbero prendere tutte quelle misure atte a ridurre il rischio di trasmissione del virus altri altri pazienti, al personale sanitario e ai visitatori.

    A tutti gli Stati Membri si ricorda di valutare e notificare immediatamente ogni nuovo caso di nCoV all’OMS, comunicando anche le informazioni sulle possibili fonti di esposizione all’origine dell’infezione e alla descrizione clinica dei casi.

    Le indagini sulla fonte di esposizione dovrebbero essere iniziate precocemente al fine di identificare il modo di infezione e in questo modo prevenire la trasmissione ulteriore del virus.

    L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda al momento l’adozione di misure di restrizione ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

    L’OMS continua a seguire da vicino la situazione.

    -
    -------

  • #2
    Nuovo Coronavirus (nCoV) – aggiornamento (OMS, 13 luglio 2013): 82 casi, 45 decessi

    [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


    Coronavirus della Sindrome Respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV) – aggiornamento

    13 luglio 2013

    Il Ministero della Sanità degli Emirati Arabi Uniti (UAE) ha notificato all’OMS un caso confermato tramite analisi di laboratorio di infezione da coronavirus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV).

    Il paziente, un uomo di 82 anni di età sofferente di patologie mediche pregresse, si trova ricoverato ora in condizioni critiche.

    A livello globale, da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 82 casi confermati tramite analisi di laboratorio di infezione da MERS-CoV, di cui 45 hanno avuto esito fatale.

    (…)

    L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’applicazione di misure di restrizione ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

    L’OMS ha riunito un Comitato di Emergenza, secondo I Regolamenti Sanitari Internazionali (IHR), su base precauzionale al fine di preparasi a una evoluzione della situazione. Il Comitato di Emergenza, composto da esperti internazionali provenienti da tutte le Regioni OMS, fornirà al Direttore Generale dell’OMS consigli tecnici pertinenti, in accordo a quanto previsto dall’IHR (2005). Il primo incontro del Comitato si è tenuto il 9 luglio scorso e un ulteriore incontro è previsto per la settimana prossima.


    -
    ------

    Comment


    • #3
      Coronavirus della Sindrome Respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV) – aggiornamento (OMS, 29 agosto 2013): 104 casi, 49 decessi

      [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


      Coronavirus della Sindrome Respiratoria del Medio Oriente (MERS-CoV) – aggiornamento

      29 agosto 2013


      L’OMS è stata informata su due casi addizionali – confermati tramite analisi di laboratorio – di infezione da coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV) riportati dal Qatar.

      I casi riguardano – fra l’altro - un uomo di 59 anni – sofferente di condizioni mediche pregresse – che ha sviluppato la malattia il 15 agosto scorso. Attualmente si trova ricoverato in condizioni stabili.

      Le indagini epidemiologiche preliminari hanno determinato che il paziente aveva compiuto un viaggio a Medina, Arabia Saudita, della durata di 6 giorni, ed era tornato in Qatar il 15 agosto. Non ha partecipato al pellegrinaggio dell’Umrah e non ha fatto visita all’Al-Masjid an-Nabawi di Medina. Ulteriori indagini sono in corso.

      Il secondo caso riguarda un uomo di 29 anni, affetto da patologie pregresse, senza storia di viaggi recenti all’estero.

      I risultati delle analisi di laboratorio per entrambi I casi sono stati confermati da un laboratorio di riferimento internazionale.

      Complessivamente, 138 fra operatori sanitari, familiari e soggetti entrati in contatto con I casi in comunità sono stati sottoposti a sorveglianza e fino a questo momento sono risultati tutti negativi per l’infezione da MERS-CoV.

      A livello globale, a partire da settembre 2012 fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 104 casi di infezione da MERS-CoV, di cui 49 con esito fatale.

      (…)

      L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure restrittive ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

      (…)


      -
      -------

      Comment


      • #4
        Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV) aggiornamento (OMS, 6 settembre 2013): 110 casi, 52 decessi

        [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale completa in Inglese: (LINK)- Porzione di testo tradotto e adattato.]


        Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV) aggiornamento

        06/09/2013


        L’OMS è stata informata su due nuovi casi – confermati tramite analisi di laboratorio – di infezione da coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV).

        Il primo caso è stato notificato dal Ministero della Sanità della Tunisia.

        Il paziente – un uomo di 66 anni che ha sviluppato la malattia il 1° maggio scorso ed è morto il successivo 10 maggio – era stato inizialmente definito come caso probabile, mentre I suoi due figli avevano ricevuto una diagnosi di laboratorio per una infezione confermata da MERS-CoV (DON pubblicata il 22 maggio 2013). Il caso ha ricevuto la diagnosi confermativa di laboratorio dopo le analisi eseguite recentemente presso il Centro per il Controllo delle Malattie USA.

        Il secondo caso è stato notificato dal Ministero della Sanità del Qatar.

        La paziente è una donna di 56 anni di età con condizioni mediche pregresse che ha sviluppato la malattia il 18 agosto scorso ed è deceduta il succesivo 31 agosto. La diagnosi di laboratorio confermativa è pervenuta da un Centro della Sanità Pubblica Inglese, Regno Unito.

        Globalmente, a partire da settembre 2012 e fino alla data attuale, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 110 casi – confermati tramite analisi di laboratorio – di infezione da MERS-CoV, di cui 52 con esito fatale.

        (…)

        L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure di restrizione ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

        (…)


        -
        -------

        Comment


        • #5
          Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 29 ottobre 2013): 1 nuovo caso, Qatar

          [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


          Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento

          D.O.N. / 29 ottobre 2013


          L’OMS è stata informata su un caso addizionale, confermato tramite analisi di laboratorio, di infezione da coronavirus della sindrome respiratoria merdiorientale (MERS-CoV) in Qatar.

          Il paziente è un uomo di 23 anni, entrato in contatto ravvicinato con un caso confermato in precedenza, ed è stato identificato nel corso delle indagini epidemiologiche su di esso. Si tratta di un lavoratore impiegato nella stalla di proprietà del caso confermato. L’uomo ha sviluppato una malattia lieve e ora si trova in buone condizioni. Le indagini preliminari hanno rivelato che il paziente non ha condotto viaggi recenti all’estero.

          A livello globale, a partire da settembre 2012 e fino alla data attuale, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 145 casi confermati tramite analisi di laboratorio di infezione da MERS-CoV, di cui 62 con esito fatale.

          (…)

          L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure di restrizione ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

          (…)


          -
          -------

          Comment


          • #6
            Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 10 novembre 2013): 1 nuovo caso in Qatar

            [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


            Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento

            10 novembre 2013


            L’OMS è stata informata su un caso addizionale, confermato tramite analisi di laboratorio, di infezione causata dal Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV) in Qatar.

            Il paziente è un uomo di 48 anni di età, che soffre di patologie pregresse, che ha sviluppato la malattia il 25 ottobre scorso ed è stato ricoverato in ospedale il successivo 31.

            Attualmente si trova in condizioni critiche.

            Le indagini preliminari hanno rivelato che il paziente ha visitato con frequenza stalle di animali. Il paziente non ha compiuto viaggi nè è entrato in contatto con casi di MERS-CoV confermati nel periodo precedente l’esordio dei sintomi.

            Globalmente, da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 151 casi di MERS-CoV, confermati tramite analisi di laboratorio, di cui 64 con esito fatale.

            (…)

            L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento che siano adottate misure di restrizione ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

            (…)


            -
            --------

            Comment


            • #7
              Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 15 novembre 2013): 1 caso in Qatar e 1 in UAE

              [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


              Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento

              15 novembre 2013


              L’OMS è stata informata su due casi addizionali, confermati tramite analisi di laboratorio, di infezione da coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV). I casi sono stati riportati negli Emirati Arabi Uniti e in Qatar.

              Il caso notificato dagli Emirati Arabi Uniti riguarda un paziente con cittadinanza UAE ma residente in Oman, dell’età di 75 anni, sofferente di patologie pregresse che ha sviluppato sintomatologia il 1 ottobre scorso ed è stato ricoverato in ospedale il 12 ottobre. E’ deceduto il 10 novembre.

              Il caso notificato dal Qatar è un uomo di 61 anni sofferente di patologie pregresse che ha sviluppato la malattia il 4 novembre scorso ed è stato ricoverato in ospedale il 7 novembre. Attualmente si trova in condizioni critiche. Le indagini epidemiologiche preliminari indicano che il paziente ha avuto contatti con l’ambiente di una stalla dove sono ricoverati degli animali.

              In aggiunta a questi due nuovi casi, un caso precedentemente notificato dall’Oman è deceduto.

              Globalmente, da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 155 casi confermati tramite analisi di laboratorio di infezione da MERS-CoV, di cui 66 con esito fatale.

              (…)

              L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure restrittive ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

              (…)


              -
              --------

              Comment


              • #8
                Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 18 novembre 2013): 2 nuovi casi, Kuwait

                [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


                Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento.

                D.O.N / 18 novembre 2013


                L’OMS è stata informata su due nuovi casi, confermati tramite analisi di laboratorio, di infezione da coronavirus della Sindrome respiratoria Mediorientale (MERS-CoV) in Kuwait.

                Il primo caso riguarda un uomo di 47 anni che ha sviluppato la malattia il 30 ottobre scorso ed è stato ricoverato in ospedale il 7 novembre. Attualmente si trova in condizioni critiche.

                Il secondo caso riguarda un uomo di 52 anni, sofferente di patologie pregresse, che ha sviluppato la malattia il 7 novembre scorso ed è stato ricoverato il 10 novembre. E’ in condizioni critiche.

                Globalmente, da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 157 casi confermati tramite analisi di laboratorio di infezione da MERS-CoV, di cui 66 fatali.

                (…)

                L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure restrittive ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

                (…)


                -
                --------

                Comment


                • #9
                  Re: Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 15 novembre 2013): 1 caso in Qatar e 1 in UAE

                  Source: http://www.ilmondo.it/esteri/2013-11...s_363052.shtml

                  IL MONDO / esteri / 19 Novembre 2013
                  Terzo decesso nel Qatar per virus Mers
                  Sono 151 i casi di infezione confermati nel mondo, 64 i decessi

                  Doha 19 nov. Le autorità sanitarie del Qatar hanno reos noto il terzo decesso causato nel Paese dal coronavirus Mers: la vittima, un paziente di 61 anni di nazionalità straniera, era affetto da altre patologie croniche...

                  Comment


                  • #10
                    Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 26 novembre 2013, estratto): 3 nuovi casi in Arabia Saudita

                    [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Estratto, adattato.]


                    Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento

                    D.O.N. / 26 novembre 2013


                    L’OMS è stata informata su tre casi addizionali, confermati tramite diagnosi di laboratorio, di infezione da coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale in Arabia Saudita.

                    Il primo caso riguarda una donna di 73 anni di età sofferente di patologie pregresse residente a Riyadh che ha sviluppato la malattia il 12 novembre scorso ed è stata ricoverata in ospedale il successivo 14; è deceduta il 18 novembre.

                    Il secondo caso riguarda un uomo di 65 anni, sofferente di patologie pregresse, residente nella regione di Jawf che ha sviluppato la malattia lo scorso 4 novembre; è stato ricoverato in ospedale il 14.

                    Il terzo caso riguarda un uomo di 37 anni residente a Riyadh che ha sviluppato la malattia il 9 novembre scorso ed è stato ricoverato in ospedale il 13 successivo; è deceduto il 18 novembre.

                    Nessuno dei tre pazienti di cui sopra ha avuto contatti con animali o con soggetti umani con infezione confermata da MERS-CoV.

                    Globalmente, da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 160 casi confermati tramite diagnosi di laboratorio di infezione da MERS-CoV, di cui 68 con esito fatale.

                    (…)

                    L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure restrittive ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

                    (…)


                    -
                    -------

                    Comment


                    • #11
                      MERS-CoV, Medio Oriente e Nord Africa: Aggiornamenti OMS (Archivio 2013)

                      Questo archivio contiene gli aggiornamenti OMS sui casi di nuovo coronavirus registrati nei Paesi del Golfo Persico e in altre aree del Medio Oriente e Nord Africa nel corso del 2013.

                      Comment


                      • #12
                        Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 29 novembre 2013, estratto): Infezione in Cammelli, Qatar

                        [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


                        Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento

                        D.O.N./ 29 novembre 2013


                        Il 27 novembre 2013 il Punto Focale Nazionale del Qatar, in accordo ai Regolamenti Sanitari Internazionali (IHR), ha notificato all’OMS che il Consiglio Supremo di Sanità e il Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con l’Istituto Nazionale per la Sanità Pubblica e l’Ambiente (RIVM) del Ministero della Sanità dell’Olanda, avevano rilevato la presenza del Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV) in un gruppo di cammelli presso una stalla correlata con due infezioni umane confermate (vedere I messaggi DON datati 18/10/13 e 29/10/13 rispettivamente).


                        Esiti delle indagini condotte in Qatar

                        In seguito alla scoperta di due soggetti infettati dal virus MERS-CoV, le autorità del Qatar (Dipartimento di Sanità Pubblica e Dipertimento per le Risorse Animali) hanno condotto una indegine epidemiologica sulle possibili fonti di esposizione dei casi umani, con il supporto di un team internazionale costituito dall’OMS e dalla FAO.

                        Le indagini di laboratorio condotte presso il RIVM e l’Erasmus Medical Center hanno confermato la presenza del MERS-COV in 3 cammelli appartenenti a un gruppo di 14 animali con I quali entrambi I casi umani erano entrati in contatto.

                        Come misura precauzionale, tutti I 14 cammelli sono stati posti in isolamento.

                        Tutti I cammelli erano asintomatici o con sintomi lievi al momento del prelievo dei campioni e sono rimasti tali duranti I successi quaranta giorni.

                        Tutti I soggetti entrati in contatto con I casi umani cosiccome gli altri lavoratori impiegati nell’allevamento sono stati sottoposti a test per la ricerca del MERS-CoV e sono risultati tutti negativi.

                        Questi risultati dimostrano che I cammelli possono essere infettati dal MERS-CoV ma le informazioni sono insufficienti per definire il ruolo nella trasmissione del virus dei cammelli e di altri animali, verso l’uomo o da questi verso l’animale.

                        Il Consiglio Supremo di Sanità sta lavorando con il RIVM e l’Erasmus Medical Center per testare altri campioni da altre specie animali e dall’ambiente dove gli animali erano ricoverati.

                        Inoltre I Dipartimenti di Sanità Pubblica e per le Risorse animali stanno conducendo ulteriori studi a livello nazionale per indagare il rischio di infezione fra I soggetti che entrano in contatto stretto con gli animali.

                        Le persone ad alto rischio di sviluppare forme gravi di infezione da MERS-CoV dovrebbero evitare il contatto con gli animali mentre sono in visita a fattorie o stalle dove il virus potrebbe potenzialmente circolare.

                        Per la popolazione generale, durante la visita a stalle o fattorie, è necessaria l’adozione di misure di igiene comune, come il lavaggio delle mani prima e dopo il contatto con gli animali, evitando I contatti con animali ammalati cosiccome l’applicazione delle pratiche di igiene alimentare.

                        L’OMS sta collaborando con le autorità del Qatar per valutare l’importanza di questi rinvenimenti e sviluppare le opportune linee guida.

                        Globalmente, da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 160 casi, confermati tramite analisi di laboratorio, di infezione da MERS-CoV, di cui 68 fatali.

                        (…)


                        -
                        -------

                        Comment


                        • #13
                          Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 2 dicembre 2013): Cluster di casi in UAE

                          [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


                          Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento

                          D.O.N. / 2 dicembre 2013


                          Il 1 dicembre 2013 l’OMS è stata informata su tre nuovi casi, diagnosticati tramite analisi di laboratorio, di infezione da Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), riportati dagli Emirati Arabi Uniti.

                          I tre casi appartengono alla stessa famiglia, residente ad Abu Dhabi – una donna di 32 anni, un uomo di 38 e il loro figlio di 8 anni.

                          La malattia è esordita a partire dal 15 novembre 2013.

                          Sia la donna che l’uomo si trovano ricoverati in ospedale in condizioni critiche.

                          Non hanno storia di viaggi, nè di contatti con casi confermati di MERS-CoV, nè con animali.

                          Durante il ricovero, la donna ha dato alla luce un bambino.

                          L’infezione nel bambino di 8 anni, sofferente di sintomatologia respiratoria lieve, è stata individuata nel corso delle indagini epidemiologiche sui soggetti entrati in contatto con I pazienti.

                          Attualmente si trova ricoverato in ospedale in isolamento.

                          Ulteriori indagini sui soggetti entrati in contatto con I casi e sul neonato, nonchè sul personale sanitario sono in corso.

                          Inoltre, due casi precedentemente notificati dal Qatar sono deceduti rispettivamente il 19 e il 29 novembre scorsi.

                          Globalmente, a partire da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 163 casi confermati tramite analisi di laboratorio di infezione da MERS-CoV, di cui 70 con esito fatale.

                          (…)

                          L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure restrittive ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

                          (…)


                          -
                          -------

                          Comment


                          • #14
                            Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 17 dicembre 2013, estratto)

                            [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


                            Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 17 dicembre 2013, estratto)

                            D.O.N. / 17 dicembre 2013


                            L’OMS è stata informata su due casi addizionali di infezione, confermata tramite analisi di laboratorio, da coronavirus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS-CoV) in Arabia Saudita.

                            Il primo caso riguarda una donna di 51 anni, di nazionalità saudita, residente nella provincia di Jawf che ha sviluppato sintomatologia il 20 novembre scorso. Sofferente di patologie pregresse, è stata trasferita a Riyadh per il trattamento in terapia intensiva. La donna non ha riferito di contatti con animali. Le indagini epidemiologiche sono in corso.

                            Il secondo caso riguarda una donna di 26 anni, di nazionalità non saudita, di professione sanitaria, residente a Riyadh. Il suo caso è asintomatico. Ha riferito di essere entrata in contatto con il caso riportato dall’OMS il 21 novembre scorso (un paziente, con diagnosi di laboratorio confermata di MERS-CoV).

                            Globalmente, a partire da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 165 casi, confermati tramite analisi di laboratorio, di infezione da MERS-CoV, di cui 71 fatali.

                            (…)

                            L’OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri nè raccomanda per il momento l’adozione di misure restrittive ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

                            (…)


                            -
                            -------

                            Comment


                            • #15
                              Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento (OMS, 22 dicembre 2012): 1 Nuovo Caso, UAE

                              [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]


                              Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV), aggiornamento

                              Notiziario sulle Malattie Epidemiche / 22 dicembre 2013


                              Il 20 dicembre corrente l’OMS è stata informata su un caso addizionale, confermato tramite analisi di laboratorio, di infezione da Coronavirus della Sindrome Respiratoria Mediorientale (MERS-CoV) negli Emirati Arabi Uniti (UAE).

                              Il paziente è un uomo di 68 anni che ha sviluppato la malattia il 13 dicembre scorso, e è stato ricoverato in ospedale il successivo 14 per la sostituzione di una protesi ortopedica; nel corso del ricovero il paziente ha lamentato tosse ed è quindi stato trasferito nel reparto di terapia intensiva il giorno 16, dopo rapida progressione della malattia.
                              Il giorno 19 la diagnosi di laboratorio ha confermato l’infezione da MERS-CoV. Il paziente soffre di patologie pregresse.

                              Le indagini preliminari sul caso hanno rivelato che il paziente non ha storia di viaggi recenti nè ha avuto contatti con animali o casi umani confermati. Le indagini sui familiari e sul personale sanitario sono in corso.

                              Globalmente, a partire da settembre 2012 e fino alla data di oggi, l’OMS è stata informata su un totale cumulativo di 166 casi confermati tramite analisi di laboratorio di infezione da MERS-CoV, di cui 71 fatali.

                              (…)

                              L'OMS non consiglia screening speciali ai punti di ingresso frontalieri né raccomanda per il momento l'adozione di misure di restrizione ai viaggi o ai commerci in relazione a questo evento.

                              (…)


                              -
                              -------

                              Comment

                              Working...
                              X