Announcement

Collapse
No announcement yet.

Febbre Gialla in Sudan e Rep. Dem. Congo, aggiornamenti OMS (2012)

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Febbre Gialla in Sudan e Rep. Dem. Congo, aggiornamenti OMS (2012)

    [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale in Inglese: (LINK). Testo tradotto e adattato.]
    Febbre Gialla in Sudan

    13 novembre 2012



    Il Ministero Federale della Sanità sudanese (FMOH) ha notificato all’OMS una epidemia di febbre gialla che sta coinvolgendo 23 località nella regione del Grande Darfur.

    Alla data dell’11 novembre 2012, complessivamente, si sono avuti 329 casi sospetti inclusi 97 decessi. La maggior parte dei casi è stata riportata nelle zone del Darfur Centrale e Meridionale.

    Le conferme di laboratorio sono state effettuate presso il Centro di Referenza Regionale OMS per la febbre gialla ubicato nell’Institut Pasteur di Dakar, in Senegal, su due campioni che sono risultati positivi per le IgM tramite la metodica ELISA mentre I test RT-PCR per la diagnosi differenziale di altri flavivirus hanno dato esito negativo.

    L’OMS sostiene gli sforzi condotti dal FMOH e dagli altri partner nelle indagini epidemiologiche e nella risposta epidemica.

    Le attività in corso prevedono il rafforzamento della sorveglianza epidemica, la valutazione entomologica e la standardizzazione della gestione clinica dei casi.

    I capi-comunità sono stati richiesti di sostenere la diffusione di messaggi alla popolazione riguardo la febbre gialla nelle località colpite.

    Il Governo del Sudan ha richiesto al Gruppo di Coordinamento Internazionale per la Distribuzione del Vaccino anti-Febbre Gialla (YF-ICG) di fornire il supporto a una campagna di vaccinazione di massa di emergenza.

    L’YF-ICG ha approvato 2,4 milioni di dosi di vaccino, il cui arrivo nel Paese è atteso a breve.

    Il Sudan, con il supporto dell’OMS, prevede l’inizio dell’immunizzazione di massa nelle aree affette dall’epidemia allo scopo di proteggere la popolazione a rischio e fermare la diffusione della malattia.

    L’YF-ICG è costituto dai seguenti enti: Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), Medici Senza Frontiere (MSF) e la Federazione Internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC), l’OMS, che funge anche da Segretariato.
    -
    ------

  • #2
    Febbre Gialla in Sudan (OMS, 22 novembre 2012)

    [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale completa in Inglese: (LINK). Porzione di testo tradotto e adattato.]
    Febbre Gialla in Sudan

    22 novembre 2012


    Il Ministero della Sanità Federale del Sudan (FMOH) ha iniziato una campagna della durata di dieci giorni per la vaccinazione di massa contro la febbre gialla, con inizio il 20 novembre, in risposta all’epidemia in corso.

    Al 17 novembre l’epidemia si era estesa a 26 località con un totale di 459 casi sospetti compresi 116 decessi.

    Due casi sono stati confermati tramite metodica ELISA per la ricerca delle IgM e con test RT-PCR dal laboratorio OMS di referenza per la febbre gialla presso l’Istituto Pasteur di Dakar, in Senegal.

    Un gruppo di indagine, guidato dal Ministero della Sanità con il supporto dell’OMS, è sul campo per valutare le dimensioni dell’epidemia e individuare le aree dove la vaccinazione deve essere condotta prioritariamente.

    Con il supporto del Gruppo di Coordinamento Internazionale per la Fornitura del Vaccino della Febbre Gialla (YF-ICG), del Fondo Centrale per la Risposta di Emergenza (CERF), e di organizzazioni non governative internazionali (INGOs), la campagna di vaccinazione sarà condotta nelle 12 aree maggiormente colpite della regione del Darfur, con l’obiettivo di immunizzare 2,2 milioni di persone.

    L’YF-ICG è una associazione che gestisce le scorte di vaccino contro la febbre gialla per la risposta di emergenza. E’ rappresentata dal Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), da Medici Senza Frontiere (MSF) e dalla Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) oltre che dall’OMS, che ne cura il Segretariato.

    Sette INGO, incluse il Comitato Internazionale della Croce Rossa, MSF Belgio, MSF Spagna, MSF Svizzera, Merlin, Save the Children-Svizzera, e International Medical Corps, stanno lavorando nelle 12 aree di priorità per la vaccinazione di massa. Con la loro attività sosterranno il FMOH nella gestione dell’emergenza.

    L’OMS sostiene l’attività del Ministero della Sanità nelle indagini sul campo per una migliore comprensione della situazione epidemiologica e per la valutazione del rischio di diffusione della malattia cosiccome nella formazione del personale sanitario per rafforzare la sorveglianza sanitaria e migliorare la raccolta dei campioni clinici e la diagnosi di laboratorio.

    L’OMS ha attivato la Rete Globale di Allerta e Risposta Epidemica (GOARN) e ulteriori aiuti saranno presto resi disponibili per le attività di risposta in corso nel Paese.
    -
    -------

    Comment


    • #3
      Febbre Gialla in Sudan, aggiornamento (OMS, 6 dicembre 2012)

      [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale in Inglese: (LINK). Testo tradotto e adattato.]
      Febbre Gialla in Sudan, aggiornamento

      6 dicembre 2012



      Al 4 dicembre 2012, 732 casi sospetti di febbre gialla, di cui 165 fatali, sono stati riportati in 33 località su 64 nel Darfur, Sudan. Le analisi di laboratorio eseguite con le metodiche per la ricerca delle IgM ELISA e con la PCR hanno confermato la presenza del virus della febbre gialla in 40 campioni clinici. Le analisi sono state effettuate presso il Laboratorio di Sanità Pubblica a Khartoum, con il supporto dell’Unità Medica della Marina USA n. 3 (NAMRU-3), Centro di Collaborazione con l’OMS per le Malattie Infettive Emergenti.

      Attualmente, il Ministro della Sanità Federale sta organizzando un campagna di vaccinazione di massa di emergenza contro la febbre gialla.

      La prima fase della campagna è iniziata il 21 novembre scorso, con obiettivo la copertura di 2,2 milioni di persone, mentre la seconda fase della campagna è programmata per questo mese, col un obiettivo di ulteriori 1,2 milioni di persone a rischio.

      La campagna di vaccinazione è sostenuta dal Gruppo Internazionale di Coordinamento per la Fornitura del Vaccino delle Febbre Gialla (YF-ICG<SUP>1</SUP>), dalla GAVI Alliance, dalla ECHO, dal Fondo Centrale per la Risposta di Emergenza (CERF), dal Fondo Comune sudanese umanitario (CHF), e dalle organizzazioni non governative impegnate nelle aree dove la campagna è in atto.

      Una valutazione complessiva dell’epidemia è in corso, allo scopo di ottenere ulteriori informazioni epidemiologiche, entomologiche e di laboratorio per una migliore comprensione dell’evoluzione dell’epidemia e sul rischio epidemico.
      L’OMS ha attivato la Rete Globale di Allerta e Risposta Epidemica (GOARN) e sta provvedendo all’invio di altri specialisti, compreso un entomologo, dei virologi e di un epidemiologo per sostenere le attività di risposta già avviate nel Paese.
      ________________
      <SUP>1</SUP> YF-ICG è una associazione che gestisce le scorte di vaccini per la febbre gialla per la risposta di emergenza sulla base di un fondo di rotazione. E’ costituita da: Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), Medici Senza Frontiere Sans Frontières (MSF), dalla Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) e dall’OMS, che funge anche da segretariato. La scorta è stata creata dalla GAVI Alliance.
      -
      ------

      Comment


      • #4
        Febbre Gialla nella Repubblica Democratica del Congo, aggiornamento (OMS, 12 dicembre 2012)

        [Fonte: Organizzazione Mondiale della Sanità, pagina originale in Inglese: (LINK). Testo tradotto e adattato.]
        Febbre Gialla nella Repubblica Democratica del Congo, aggiornamento

        12 dicembre 2012



        Il Ministero della Sanità della Repubbica del Congo si prepara a lanciare una campagna di vaccinazione di massa contro la febbre gialla nel distretto di Ewo, regione di Cuvette-Ouest, con inizio la prossima settimana.

        La campagna di vaccinazione intende coprire approssimativamente 35 mila persone nei tre distretti sanitari di Mbama, Ewo e Okoyo, appartenenti alla divisione amministrativa di Ewo.

        La campagna di emergenza è stata messa in atto in seguito alla recente conferma di un caso di febbre gialla avvenuto nell’ottobre scorso. L’identificazione del caso è stata effettuata tramite il programma nazionale di sorveglianza per la febbre gialla.

        La conferma di laboratorio è pervenuta attraverso le analisi effettuate dall’Istituto Nazionale di Ricerca Biomedica di Kinshasa (INRB), e confermata anche dal laboratorio OMS di referenza per la febbre gialla presso l’Institut Pasteur di Dakar, Senegal.

        La campagna di vaccinazione è sostenuta dal Gruppo di Coordinamento Internazionale per la Fornitura del Vaccino contro la Febbre Gialla (YF-ICG<SUP>1</SUP>), dalla GAVI Alliance dal Dipartimento della Commissione Europea per la Protezione Civile e l’assistenza umanitaria (ECHO).
        ___________________
        <SUP>1</SUP> L’YF-ICG è una associazione che gestisce le scorte di vaccini contro la febbre gialla per la risposta di emergenza sulla base di un fondo di rotazione. Vi sono rappresentate il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia (UNICEF), Medici Senza Frontiere (MSF) e la Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) oltre che l’OMS che funge anche da segretariato. Le scorte sono state create dalla GAVI Alliance.
        -
        ------

        Comment

        Working...
        X