Announcement

Collapse
No announcement yet.

Emergenze sanitarie, archivio notizie recenti.

Collapse
This is a sticky topic.
X
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • #61
    Meningite a Empoli, profilassi per 50 persone. La Asl: niente allarmismi

    Meningite a Empoli, profilassi per 50 persone. La Asl: niente allarmismi


    [Fonte: Il Tirreno, View Original Article. 17/10/10.]

    SPICCHIO. Una malattia inesorabile, una morte improvvisa. Poche ore prima di finire sotto l'attacco del male che l'ha uccisa, Laura Fulignati, la donna di 68 anni di Spicchio deceduta giovedì per una meningite fulminante, faceva ginnastica in palestra insieme alle amiche. Stava bene: anche se - come spiegano dall'Asl - doveva convivere con qualche problema di salute cronico, faceva una vita normalissima, come quella di una persona perfettamente sana. Si è spenta in poche ore. Aveva iniziato ad accusare malesseri la sera di mercoledì, al ritorno dalla palestra. Poi ...
    -
    -----

    Comment


    • #62
      Italia, Legionellosi: i dati 2009 (CCM Network, 18/10/10, adattato): al primo posto in Europa per casi associati ad alberghi.

      Italia, Legionellosi: i dati 2009 (CCM Network, 18/10/10, adattato)


      [Fonte: Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie, pagina completa originale: <cite cite="http://www.ccm-network.it/node/1111">Legionellosi: i dati 2009 | CCM Network</cite>. Adattato.]

      Legionellosi: i dati 2009

      Secondo il rapporto annuale sulla legionellosi in Italia nel 2009 (pdf 833 kb), complessivamente, sono pervenute all’Istituto superiore di sanità 1.200 schede di sorveglianza relative ad altrettanti casi di legionellosi; di questi, 1.146 sono confermati e 54 presunti.

      Il 30% dei soggetti riferisce un’esposizione a rischio nei 10 giorni precedenti l’inizio dei sintomi.

      Dei 1.200 casi notificati al Registro nazionale della legionellosi, infatti, 110 (9,2%) erano stati ricoverati in ospedale o in clinica, 178 casi (14,7%) avevano pernottato almeno una notte in luoghi diversi dall’abitazione abituale (alberghi, campeggi, navi, abitazioni private), 33 casi (2,8%) erano residenti in comunità chiuse, 33 casi (2,8%) avevano frequentato piscine e 13 casi (1,1%) avevano effettuato cure odontoiatriche.

      Nel 95% dei casi l’agente responsabile della patologia e stato Legionella pneumophila sierogruppo1.

      Rispetto al 2008 il numero di casi notificati non ha subito variazioni significative, tuttavia un importante aumento rispetto al 2008 hanno avuto i casi nosocomiali con un 40% in più di cluster (25 nel 2009 contro i 15 del 2008).

      Elevata, inoltre, rimane la letalità delle infezioni acquisite in ospedale (34% contro il 12% della letalità dei casi comunitari) che impone una maggiore attenzione ai programmi di valutazione, minimizzazione e gestione del rischio da Legionella nelle strutture sanitarie.

      Il numero di casi di legionellosi associata ai viaggi è rimasto pressoché invariato rispetto al 2008, tuttavia è molto preoccupante l’elevato numero di cluster notificati nel 2009, che fa sì che l’Italia si collochi al primo posto fra i Paesi europei per numero di cluster associati al soggiorno presso strutture recettive.

      L’analisi molecolare dei ceppi di Legionella, isolati dall’uomo a seguito di infezioni avvenute in Italia tra il 1987 e il 2009, effettuata dal Laboratorio di riferimento nazionale, ha mostrato, in accordo con quanto riportato a livello internazionale, che la specie di legionella che causa il maggior numero di casi di malattia in Italia è L. pneumophila sierogruppo 1, seguita dai sierogruppi 6, 2, 3.

      Scarica il numero di settembre 2010 del Notiziario dell'Iss (pdf 833 kb).

      Ultimo aggiornamento: 8 ottobre 2010
      -
      -------

      Comment


      • #63
        Italia, West Nile Fever, Veneto, caso umano confermato (fonte ProMedMail, 22 ottobre 2010, tradotto, adattato)

        Italia, West Nile Fever, Veneto, caso umano confermato (fonte ProMedMail, 22 ottobre 2010, tradotto, adattato)


        Ringrazio Dutchy per aver per primo segnalato questo post di ProMedMail.

        [Fonte: ProMedMail, articolo completo in Inglese (LINK). Tradotto dal Mod.(IOH), adattato.]

        Archive Number > 20101022.3840
        Published Date > 22-OCT-2010
        Subject >PRO/AH/EDR West Nile Virus - Eurasia (11): Italy (Veneto)

        WEST NILE VIRUS - EURASIA (11): ITALY (VENETO)
        **********************************************

        A ProMED-mail post <http://www.promedmail.org>

        ProMED-mail is a program of the International Society for Infectious Diseases <http://www.isid.org>

        Date: Fri 22 Oct 2010, From: Anna Beltrame [edited], <beltrame.anna@aoud.sanita.fvg.it>


        [I paragrafi seguenti sono stati tradotti dal Mod.(IOH). Fra parantesi tonde e in corsivo la versione originale in Inglese apparsa sul sito ProMedMail.]

        Si riporta il primo caso umano di meningoencefalite da West Nile virus in Italia durante il 2010.

        (We report the 1st case of West Nile [virus] meningoencephalitis in Italy in 2010.)


        Il 30 agosto 2010, un residente del comune di San Stino di Livenza (regione Veneto), di sesso maschile, di origine algerina, 41 anni di età, è stato ricoverato presso l'ospedale di San Vito al Tagliamento (regione Friuli-Venezia Giulia), città di residenza di suo fratello, con sintomatologia febbrile (40°C), e vomito che persisteva da tre giorni. Il paziente appariva confuso, disorientato, agitato senza rigidità nucale.

        (On 30 Aug 2010, a 41-year-old Algerian male resident in Veneto (Santo Stino di Livenza) was admitted to the Hospital of S. Vito al Tagliamento in Friuli Venezia Giulia (FVG), where his brother lives, complaining of fever (40 C [104 F]) and vomiting for the last 3 days. The patient appeared confused, disoriented, agitated without a neck stiffness.)


        Una puntura lombare è stata effettuata e ha rivelato un fluido chiaro con una conta leucocitaria di 40 cellule/mm cubo, e un livello di glucosio pari a 147 mg/dL, livello di proteine pari a 0.7 g/L. Campioni di sangue e di liquido cefalorachidiano sono stati prelevati e testati per la ricerca di agenti neurotropici ma non per il virus West Nile. Una diagnosi presuntiva di meningoencefalite è stata definita. Dopo tre giorni, siccome le condizioni cliniche non miglioravano il paziente è stato trasferito presso la Clinica per le Malattie Infettive dell'ospedale di Udine dove è stata effettuata una diagnosi di sospetta infezione da West Nile virus.

        (A lumbar puncture (LP) was performed and disclosed a clear fluid with a white blood cell (WBC) count of 40 cells/mm3, a glucose level of 147 mg/dL and a protein level of 0.7 g/L. Samples of blood and cerebrospinal fluid (CSF) were taken and tested for neurotropic agents but not for West Nile virus (WNV). A presumptive diagnosis of viral meningoencephalitis was made. After 3 days, as clinical conditions did not improve he was transferred to the Clinic of Infectious Disease at the Hospital of Udine (FVG) where a diagnosis of WNV infection was suspected.)


        Il 3 settembre 2010, un campione di siero, inviato per la ricerca sierologica del WNV, è risultato positivo per le IgG (1:1000) tramite immunofluorescenza. Un secondo campione di sangue prelevato dodici giorni dopo è risultato positivo sia per le IgM (1:10) che per le IgG (1:1000). Il paziente non aveva mai ricevuto vaccinazioni contro la febbre gialla o l'encefalite giapponese e non aveva effettuato viaggi all'estero negli ultimi sei mesi.

        (On 3 Sep [2010], a serum sent for WNV [serological testing] was positive for IgG (1:1000) in immunofluorescence (IF) assay. A 2nd blood test taken 12 days later was positive for both IgM (1:10) and IgG (1:1000). He had never been vaccinated against fellow fever or Japanese encephalitis [viruses] and had not travelled outside Italy in the last 6 months.)


        Campioni di sangue sono stati inviati presso il Laboratorio Regionale di Referenza per il West Nile virus (U.C.O., Igiene e Medicina Preventiva, Università di Trieste), in base al protocollo regionale di sorveglianza. I risultati delle analisi sono stati confermati dai Centri Regionale e Nazionale di Riferimento (Istituto Superiore di Sanità, Roma).

        (Blood samples were sent to the Regional Reference Laboratory for West Nile virus (U.C.O. Hygiene and Preventive Medicine, University of Trieste, Italy) in according with the regional surveillance system. The results were confirmed by Regional and National referral centres (Istituto Superiore di Sanitý; Rome, Italy).)


        Le recenti attività di sorveglianza attiva e passiva per il monitoraggio del WNV negli esseri umani, negli equidi, uccelli e zanzare, hanno evidenziato un numero crescente di casi negli animali in varie Regioni italiane ma finora gli unici casi umani erano stati identificati solo nel nord-est (Emilia-Romagna, Veneto e Lombardia). Si ritiene che test sierologici per la ricerca del WNV dovrebbe essere disponibili anche nei Centri periferici, cosicchè possano seguire le indicazioni del programma nazionale di monitoraggio delle malattie emergenti.

        (After the recent active and passive surveillance strategies for the monitoring of WNV in humans, equines, birds and mosquitoes, increased cases in animals has been reported in various Regions of Italy but until now human cases have been notified only in the northeast (Emilia-Romagna, Veneto and Lombardy). We believe that the serological tests for WNV should be available also in peripheral centres, so that they can follow the indications of the national monitoring program of this emerging virus)


        --
        Communicated by:
        Anna Beltrame, MD
        Clinic of Infectious Diseases
        S.M. Misericordia University Hospital
        P.le M. M. Misericordia nƒ 15, 33100 Udine, Italy

        Claudio Scarparo, MD
        Clinical Microbiology Laboratory,
        S.M. Misericordia University Hospital, Udine, Italy

        Tolinda Gallo, MD
        Local Prevention Department of Health, Udine, Italy

        [These 1st-hand reports from the field are especially valuable for ProMED-mail subscribers, and we thank Dr. Beltrame and colleagues for providing this information. There was a previous report this year (2010) of equine WNV infections in 4 outbreaks in Sicily, far away from the location of the above human case (see ProMED-mail archive no. 20100908.3235). WNV has caused human and equine cases in northern Italy in previous years -- as recently as last year (2009; see ProMED-mail archive no.20100521.1725). This year (2010) has been an active one for WNV transmission in the Mediterranean Basin and into Central Europe.

        A map showing the location of Udine in northeastern Italy can be accessed at <http://www.lib.utexas.edu/maps/europ...y_pol_2004.jpg> A HealthMap/ProMED interactive map of Italy can be accessed at <http://healthmap.org/promed/en?v=42.8,12.1,5>. - Mod.TY]

        [see also:
        West Nile virus - Eurasia (03): RU, IT, TR 20100908.3235
        West Nile virus - Italy (03): (LM) further clarification 20100524.1725
        West Nile virus - Italy (02): (LM) clarification 20100521.1686
        West Nile virus - Italy: (LM) 20100520.1670
        2009
        ----
        West Nile virus - Italy (02) 20091106.3836
        West Nile virus - Italy 20091009.3496
        2008
        ----
        West Nile virus - Italy (05) 20081130.3762
        West Nile virus - Italy (04): (Veneto) 20081122.3684
        West Nile virus - Italy (03): (FE) 20081007.3177
        West Nile virus - Italy (02): (Ferrara) 20080926.3040
        West Nile virus - Italy: (FE) 20080919.2933]
        ...................lm/ty/ejp/lm
        -
        ------

        Comment


        • #64
          Meningite all’Università di Pisa L'Asl: i compagni ci contattino

          Meningite all’Università di Pisa L'Asl: i compagni ci contattino


          [Fonte: Il Tirreno, View Original Article. 23/10/10.]

          Un caso grave segnalato a Massa. La studentessa di 22 anni ha frequentato le lezioni di Storia delle istituzioni politiche, Storia economica e Statistica presso l’aula situata in via Pasquale Paoli a Pisa mercoledì scorso, ed anche, lunedì e martedì scorsi, il corso di Storia contemporanea 3. I numeri da chiamare: Pontedera 0587 273111, Zona Pisana 339 7066318, Zona Valdera 392 5003391 ...
          -
          ------

          Comment


          • #65
            Re: Meningite all’Università di Pisa L'Asl: i compagni ci contattino

            Psicosi meningite, Asl prese d'assalto


            [Fonte: Il Tirreno, View Original Article. 23/10/10.]

            Oltre mille telefonate ai centralini in poche ore delle Asl del Pisano. Somministrati antibiotici agli studenti e ad altri giovani entrati in contatto con la ragazza a Massa. Restano gravi le sue condizioni ...
            -
            -----

            Comment


            • #66
              Sanita': Prato, un caso di tubercolosi in scuola elementare

              Sanita': Prato, un caso di tubercolosi in scuola elementare


              [Fonte: AdnKronos, View Original Article. 4/11/10.]

              Sanita': Prato, un caso di tubercolosi in scuola elementare...
              -
              ------

              Comment


              • #67
                Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù (Il Fatto Quotidiano, 5/11/10)

                Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù (Il Fatto Quotidiano, 5/11/10)


                [Fonte: Il Fatto Quotidiano, articolo completo: <cite cite="http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/11/05/roma-incendio-nellospedale-bambin-gesu/75393/">Il Fatto Quotidiano » Cronaca » Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù</cite>. 5/11/10.]

                Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù

                Da circa un’ora, le fiamme lambiscono l’ospedale Bambin Gesù, a Roma. A quanto si apprende l’incendio è scoppiato nel reparto di rianimazione, al terzo piano dello stabile. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, i vigili urbani, e gli agenti del commissariato Trastevere.

                (...)
                -
                ------

                Comment


                • #68
                  Re: Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù (Il Fatto Quotidiano, 5/11/10)

                  Fiamme nell'ospedale Bambin Gesù di Roma (5/11/10)


                  [Fonte: RaiNews24, View Original Article. 5/11/10.]

                  Un incendio è scoppiato nell'ospedale Bambin Gesù, a Roma. Otto squadre dei vigili del fuoco hanno domato in breve tempo le fiamme. L'incendio si è sviluppato al terzo piano, in un locale adibito a deposito all'interno del reparto rianimazione, immediatamente evacuato.

                  -
                  ------

                  Comment


                  • #69
                    Re: Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù (Il Fatto Quotidiano, 5/11/10)

                    In fiamme l'ospedale Bambino Gesùevacuato il piano degenza: intossicati


                    [Fonte: Il Corriere della Sera, View Original Article. 5/11/10.]

                    Genitori in fuga con i piccoli degenti in braccio, momenti di panico. Medici e infermieri avvelenati dal fumo per garantire che tutti i pazienti venissero messi in salvo...
                    -
                    ------

                    Comment


                    • #70
                      Re: Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù (Il Fatto Quotidiano, 5/11/10)

                      Bambin Gesù, incendio in rianimazione: reparto evacuato, alcuni intossicati


                      [Fonte: Il Messaggero, View Original Article. 5/11/10.]

                      ROMA (5 novembre) - Incendio all'ospedale Bambino Gesù: le fiamme si sono sviluppate intorno alle 15.30 in un locale adibito a deposito all'interno del reparto rianimazione, al terzo piano. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco, i vigili urbani,...
                      -
                      ------

                      Comment


                      • #71
                        Re: Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù (Il Fatto Quotidiano, 5/11/10)

                        Rogo al "Bambin Gesù", decine di intossicati


                        [Fonte: La Stampa, View Original Article. 5/11/10.]

                        Le fiamme, subito domate, si sono sviluppate in un deposito al terzo piano. Dieci adulti non gravi ricoverati al Gemelli. Tratti in salvo i bimbi. Il Card. Bertone: «Riferirò al Papa».
                        -
                        ------

                        Comment


                        • #72
                          Re: Roma: Incendio nell’ospedale Bambin Gesù (Il Fatto Quotidiano, 5/11/10)

                          Paura al «Bambin Gesù» di Roma per principio di incendio


                          [Fonte: Avvenire, View Original Article. 5/11/10.]

                          Forse un cortocircuito, verso le 15.30, all'origine del fuoco. Una quarantina di adulti intossicati non gravi e 9 neonati portati in altri ospedali.
                          -
                          ------

                          Comment

                          Working...
                          X