Announcement

Collapse
No announcement yet.

Archivio. Pandemia H1N1 2009, Vaccinazione in Italia (fino ad agosto 2010)

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Archivio. Pandemia H1N1 2009, Vaccinazione in Italia (fino ad agosto 2010)

    Rapporto sull’influenza A(H1N1) in Italia al 13 settembre 2009 (ISS, Min. Salute, 16 settembre 2009, editato)

    [Documento Originale Completo: LINK. EDITATO.]

    Rapporto sull’influenza A(H1N1) in Italia al 13 settembre 2009

    16.9.2009


    Sommario dei casi dal 1 maggio al 13 settembre 2009
    • Totale casi: 8.133 casi
    • Casi confermati: 2.384 casi
    • Decessi: 1 caso


    La sorveglianza nazionale dell’influenza A(H1N1) si è basata sulla segnalazione individuale dei casi che venivano tutti confermati dal Centro Nazionale Influenza presso l’Istituto Superiore di Sanità fino al 26 luglio 2009.

    Successivamente, le modalità operative per la sorveglianza epidemiologica e la conferma dei casi sono state aggiornate (nota circolare DGPREV/V/34102/1.4c.a.9).

    Dal 27 luglio, la diagnosi di influenza da virus A(H1N1) si basa sul solo criterio clinico e i casi vengono segnalati settimanalmente in forma aggregata dalle Regioni/PP.AA.

    La conferma dei casi viene effettuata su un campione dei casi notificati settimanalmente.

    (...)

    -
    -----
    Attached Files

  • #2
    GESTIONE DELLE FORME GRAVI E COMPLICATE DI INFLUENZA DA VIRUS A/(H1N1)v. (Min. Salute, 30/9/09)

    GESTIONE DELLE FORME GRAVI E COMPLICATE DI INFLUENZA DA VIRUS A/(H1N1)v (Circolare Min. Salute del 30 settembre 2009)

    Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

    GESTIONE DELLE FORME GRAVI E COMPLICATE DI INFLUENZA DA VIRUS A/(H1N1)v.



    Il documento PDF completo può essere consultato seguendo questo LINK.

    -
    -----
    Attached Files

    Comment


    • #3
      Vaccino monovalente h1n1 2009: Scheda tecnica, focetria (emea)

      VACCINI PANDEMICI MONOVALENTI: FOCETRIA, SCHEDA TECNICA (link al documento)

      Con l'inizio dell'immunizzazione anti-H1N1 2009 sono arrivati anche i fogli informativi sui vaccini.

      Qui presento il link al documento ufficiale contenente le informazioni riguardanti il vaccino ''FOCETRIA''.

      (LINK)

      -
      ------
      Attached Files

      Comment


      • #4
        Re: Vaccino monovalente h1n1 2009: Scheda tecnica, focetria (emea)

        Ulteriori informazioni:

        -- informazioni sull'etichettatura (http://www.emea.europa.eu/humandocs/...lab-h385it.pdf )

        -- caratteristiche del prodotto (http://www.emea.europa.eu/humandocs/...spc-h385it.pdf )
        Attached Files

        Comment


        • #5
          INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI E DELLE PRESTAZIONI INDISPENSABILI RILEVANTI AI FINI DEL PIANO DI VACCINAZIONE DEL RELATIVO PERSONALE (Min. Salute, estratti, editato)

          INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI E DELLE PRESTAZIONI INDISPENSABILI RILEVANTI AI FINI DEL PIANO DI VACCINAZIONE DEL RELATIVO PERSONALE (Min. Salute, estratti, editato)

          [Documento PDF Originale: LINK. EDITATO.]

          (...)

          ALLEGATO I

          INDIVIDUAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI E DELLE PRESTAZIONI INDISPENSABILI RILEVANTI AI FINI DEL PIANO DI VACCINAZIONE DEL RELATIVO PERSONALE

          * AVVOCATI

          Attività professionale nella materia penale e civile al fine di garantire le seguenti prestazioni:

          * a) all’assistenza al compimento degli atti di perquisizione e sequestro, alle udienze di convalida dell’arresto e del fermo, a quelle afferenti misure cautelari, agli interrogatori ex art. 294 del codice di procedura penale, all’incidente probatorio ad eccezione dei casi in cui non si verta in ipotesi dì urgenza, come ad esempio di accertamento peritale complesso, al giudizio direttissimo e al compimento degli atti urgenti di cui all’articolo 467 del codice di procedura penale, nonché ai procedimenti e processi concernenti reati la cui prescrizione maturi durante il periodo di astensione, ovvero, se pendenti nella fase delle indagini preliminari, entro 360 giorni, se pendenti in grado di merito, entro 180 giorni, se pendenti nel giudizio di legittimità, entro 90 giorni;
          * b) nei procedimenti e nei processi in relazione ai quali l’imputato si trovi in stato di custodia cautelare o di detenzione, ove l’imputato chieda espressamente, analogamente a quanto previsto dall’art. 420 ter comma 5 (introdotto dalla legge n. 479/1999) del codice di procedura penale, che si proceda malgrado l’astensione del difensore. In tal caso il difensore di fiducia o d’ufficio, non può legittimamente astenersi ed ha l’obbligo di assicurare la propria prestazione professionale.
          * c) a provvedimenti cautelari, provvedimenti sommari di cognizione al sensi dell’art. 19 decreto legislativo n. 5/2003, allo stato e alla capacità delle persone, ad alimenti, alla comparizione personale dei coniugi in sede di separazione o di divorzio o nei procedimenti modificativi e all’affidamento o mantenimento di minori;
          * d) alla repressione della condotta antisindacale, nella fase di cognizione sommaria prevista dall’art, 28 della legge n. 300/1970, ed ai procedimenti aventi ad oggetto licenziamenti individuali o collettivi ovvero trasferimenti, anche ai sensi della normativa di cui al decreto legislativo n. 165/2001;
          * e) a controversie per le quali è stata dichiarata 1’urgenza ai sensi dell’art. 92, comma 2, del regio decreto n. 12/1941 e successive modificazioni ed integrazioni;
          * f) alla dichiarazione o alla revoca dei fallimenti;
          * g) alla convalida dì sfratto, alla sospensione dell’esecuzione, alla sospensione o revoca dell’esecutorietà di provvedimenti giudiziali;
          * h) alla materia elettorale.

          Attività professionale nella materia amministrativa e tributaria al fine di garantire le seguenti prestazioni:

          * a) nei procedimenti cautelari e urgenti;
          * b) nei procedimenti relativi alla materia elettorale.


          * ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI

          Servizi pubblici essenziali:

          * a) assistenza ai minori e ai soggetti ospiti nelle strutture sociali;
          * b) protezione civile, servizio dighe, vigilanza nei parchi nazionali;
          * c) servizi di informazione , servizi degli uffici di frontiera;
          * d) assistenza sanitaria, igiene e sanità pubblica;
          * e) servizi di supporto logistico e organizzativo;
          * f) specifici servizi del personale;
          * g) erogazione di pensioni, di indennità e di rendite.

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * A) Assistenza sanitaria, igiene e sanità pubblica
          o a) pronto soccorso medico e chirurgico;
          o b) pronto soccorso emotrasfusionale;
          o c) servizio trasporto infermi;
          o d) prestazioni terapeutiche già in atto o da avviare, ove non dilazionabili senza danno per le persone interessate; trattamenti sanitari obbligatori;
          o e) referti, denunce, certificazioni e attività connesse alla emanazione di provvedimenti contingibili e urgenti.
          * B) Servizi di supporto logistico organizzativo
          o a) Servizio di portineria sufficiente a garantire l’accesso per la erogazione delle prestazioni indicate nella lett. A) e limitatamente alle strutture e ai lavoratori direttamente interessati;
          o b) raccolta e smaltimento dei rifiuti speciali, tossici o nocivi, per quanto di competenza e secondo la legislazione vigente;
          * C) Servizi di informazione e servizi di frontiera
          o a) approvvigionamento, attraverso le fonti ordinarie, delle notizie inerenti le condizioni di transitabilità e la loro diffusione mediante i canali radiofonici, televisivi e telefonici.
          o b) attività di assistenza automobilistica nei confronti di coloro che transitano in entrata o in uscita attraverso il confine del territorio italiano;
          * D) Servizi di protezione civile , servizio dighe e vigilanza nei parchi nazionali
          o a) Attività di sorveglianza idraulica dei fiumi, degli altri corsi d’acqua e dei bacini idrici: periodo di preallarme e di piena;
          o b) attività di antibracconaggio e antincendi nei parchi nazionali;
          o c) attività di protezione civile, da presidiare con personale in reperibilità.
          * E) Assistenza ai minori e ai soggetti ospiti nelle strutture sociali
          o a) assistenza agli ospiti nelle strutture sociali dei Centri di riabilitazione e protesi e delle Case di soggiorno gestite dagli enti;
          o b) assistenza ai minori nei collegi, nei convitti, nei centri di vacanza studio all’estero, nei soggiorni climatici gestiti dagli enti;
          o c) assistenza ai soggetti ospiti nei campi profughi gestiti dagli enti.
          * F) Specifici servizi del personale
          o Attività del servizio del personale limitatamente all’erogazione degli assegni e delle indennità con funzioni di sostentamento; tale servizio deve essere garantito per il periodo di tempo strettamente necessario in base all’organizzazione dei singoli Enti.
          * G) Erogazione di pensioni di indennità e di rendite
          o a) pagamento delle pensioni, delle indennità sociali e di adeguamento delle rendite previdenziali, aggiornati secondo il calendario e le scadenze previsti per ogni categoria;
          o b) erogazione delle altre prestazioni previdenziali (indennità di disoccupazione, di t.b.c., di CIG , ecc), nel rispetto delle periodicità stabilite.


          * CROCE ROSSA ITALIANA

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * 1) Servizio di pronto soccorso e trasporto infermi;
          * 2) attività di protezione civile;
          * 3) assistenza agli ospiti dei centri di riabilitazione;
          * 4) assistenza ai soggetti ospiti nel CPT e CPA;
          * 5) attività dì erogazione stipendi limitatamente alle giornate di erogazione degli assegni;
          * 6) servizio di portineria per garantire l’accesso per l’erogazione dei servizi dì cui ai punti precedenti


          * ISTITUTO POLIGRAFICO ZECCA DELLO STATO

          Servizio essenziale:

          * Personale necessario a garantire la produzione della Gazzetta Ufficiale - Parte Prima anche in situazioni conflittuali, limitatamente alla fase di preparazione, stampa, allestimento, consegna agli Organi Istituzionali, vendita in agenzia, diffusione telematica.


          * MAGISTRATI

          Personale necessario a garantire i seguenti servizi essenziali:

          * attività investigative, istruttorie, processuali di qualsiasi natura, relative ai procedimenti indicati nella legge 7 ottobre 1969, n. 742 e successive modificazioni, con le precisazioni e limitazioni seguenti:
          o a) In materia civile e del lavoro limitatamente ai processi relativi ai licenziamenti e ai procedimenti sommari di natura cautelare, inclusi quelli previsti dalle leggi speciali in tema di repressione delle condotte antisindacali e discriminatorie;
          o b) In materia penale nei procedimenti e processi con imputati detenuti, nonchè in relazione al compimento degli atti urgenti previsti dall’art. 467 c.p.p., o ai procedimenti e processi relativi ai reati per cui è imminente la prescrizione o, se pendenti in Cassazione maturi nei successivi 90 giorni;
          o c) In materia di sorveglianza salvo che nei procedimenti concernenti i condannati in fase di sospensione dell’esecuzione, e alle attività non aventi carattere processuale;
          o d) Hanno natura cautelare ed urgente tutte le controversie, civili o penali, in cui l’efficacia di un provvedimento decada se non convalidato o confermato entro termini perentori;
          o e) Debbono altresì essere sempre assicurati gli adempimenti urgenti ed indifferibili dei pubblici ministeri non previsti dalle indicazioni precedenti Magistrati amministrativi Personale necessario a garantire l’attività relativa ai provvedimenti propriamente cautelari, e le cause in materia elettorale.

          Magistrati Corte dei Conti

          * Personale necessario a garantire, per il versante della giurisdizione, i provvedimenti cautelari;
          * per il versante del controllo, i provvedimenti da sottoporre a riscontro in via preventiva per i quali verrebbero a scadenza i relativi termini perentori di cui all’art. 3, comma 2, della legge 14 gennaio 1994 n. 20; per il versante della Procura, gli atti di citazione la cui omessa emissione porterebbe al mancato rispetto del termine perentorio di cui all’art. 5, comma 1, della legge 14 gennaio 1994 n. 19.

          Magistrati Onorari di Tribunale

          Personale necessario a garantire i servizi essenziali:

          * le attività investigative, istruttorie, processuali di qualsiasi natura, relative ai procedimenti indicati nella l. 7 ottobre 1969, n. 742 e successive modificazioni, con le precisazioni e limitazioni seguenti:
          o a) In materia civile e del lavoro limitatamente ai processi relativi ai licenziamenti e ai procedimenti sommari di natura cautelare, inclusi quelli previsti dalle leggi speciali in tema di repressione delle condotte antisindacali e discriminatorie;
          o b) In materia penale nei procedimenti e processi con imputati detenuti e in relazione al compimento degli atti urgenti previsti dall’art. 467 c.p.p., o ai procedimenti e processi relativi ai reati per cui è imminente la prescrizione o, se pendenti in Cassazione maturi nei successivi 90 giorni;
          o c) In materia di sorveglianza salvo nei procedimenti concernenti i condannati in fase di sospensione dell’esecuzione, e alle attività non aventi carattere processuale;
          o d) Hanno natura cautelare ed urgente tutte le controversie, civili o penali, in cui l’efficacia di un provvedimento decada se non convalidato o confermato entro termini perentori;
          o e) Debbono altresì essere sempre assicurati gli adempimenti urgenti ed indifferibili dei pubblici ministeri non previsti dalle indicazioni precedenti.”

          Giudici di Pace
          Personale necessario a garantire la trattazione delle cause civili, penali ed in materia di sanzioni amministrative in presenza delle seguenti condizioni:

          * a) nelle cause civili ordinarie riguardanti i rapporti tra proprietari e detentori di immobili adibiti a civile abitazione in materia di immissione di fumo o calore, esalazioni, rumori, scuotimenti e simili propagazioni che superino la normale tollerabilità, ove si configuri un pericolo per la salute del legittimato all’azione e per tutti i casi in cui dalla sospensione dell’attività giudiziaria o amministrativa possa derivare un pericolo per la sicurezza, la salute e la incolumità dei cittadini".
          * b) nelle cause di opposizione delle sanzioni amministrative in cui il trasgressore o il responsabile civile abbia chiesto la sospensione del provvedimento opposto, quando possa apparire fondata la domanda e grave ed irreparabile il pregiudizio addotto.
          * c) nei procedimenti in materia penale:
          o - nei dieci giorni entro i quali il giudice deve fissare la nuova udienza per la decisione del tipo di sanzione da infliggere all’imputato ai sensi dell’art. 33, 3° comma, del D.lgs. n. 274 del 2000;
          o - quando per i reati di particolare tenuità ed in assenza di opposizione, l’ulteriore corso del procedimento possa arrecare pregiudizio alle esigenze di lavoro, di studio, di famiglia o di salute della persona sottoposta a indagini o dell’imputato;
          o - per evitare un apprezzabile ritardo nei provvedimenti del giudice nel corso delle indagini o nella definizione dei processi riguardanti i reati di cui all’art. 186 e 187 del decreto legislativo 30.04.1992 n. 285 (guida sotto l’influenza dell’alcool o sotto l’influenza di sostanza stupefacenti o psicotrope).

          Magistrati Militari
          Personale necessario a garantire i seguenti servizi essenziali:

          * Le attività investigative, istruttorie, processuali di qualsiasi natura, relative ai procedimenti indicati nella l. 7 ottobre 1969, n. 742 e successive modificazioni, con le precisazioni e limitazioni seguenti:
          o a) nei procedimenti e processi con imputati detenuti ed in relazione al compimento degli atti urgenti previsti dall’art. 467 c.p.p. o ai procedimenti e processi relativi ai reati per cui è imminente la prescrizione o, se pendenti in Cassazione maturi nei successivi 90 giorni
          o b) in relazione a tutte le attività procedimentali e processuali già fissate che richiedano la partecipazione a qualsiasi titolo di militari in procinto di partire per operazioni militari in territorio estero;
          o c) In materia di sorveglianza relativamente ai procedimenti concernenti i condannati in fase di sospensione dell’esecuzione, e alle attività non aventi carattere processuale;
          o d) Hanno natura cautelare ed urgente tutte le controversie in cui l’efficacia di un provvedimento decada se non convalidato o confermato entro termini perentori;
          o e) Debbono altresì essere sempre assicurati gli adempimenti urgenti ed indifferibili dei pubblici ministeri non previsti dalle indicazioni precedenti.

          Magistrati Tributari

          * Personale necessario ad assicurare un livello di prestazioni compatibile con le finalità di cui all’art. 1, comma 2 lett. e), della legge n. 146/1990, come modificata dalla legge n. 83/2000.
          * In particolare con riferimento le attività connesse ai provvedimenti propriamente cautelari.


          * MINISTERI

          Servizi pubblici essenziali:

          * a) produzione e distribuzione di energia e beni di prima necessità, nonché gestione e manutenzione dei relativi impianti, per quanto attiene alla sicurezza degli stessi;
          * b) amministrazione della giustizia;
          * c) attività di tutela della libertà e della sicurezza della persona;
          * d) igiene, sanità ed attività assistenziali;
          * e) attività connesse al servizio doganale ove previsto;
          * f) trasporti;
          * g) protezione ambientale e vigilanza sui beni culturali;
          * h) servizio elettorale;
          * i) protezione civile;
          * l) erogazione di assegni e indennità con funzioni di sostentamento;
          * m) istruzione pubblica.

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:
          Ciascuna Amministrazione provvede secondo le proprie competenze:

          * a) salvaguardia dell’integrità degli impianti nonché sicurezza e funzionamento degli impianti a ciclo continuo:
          o - custodia del patrimonio artistico, archeologico e monumentale, dei natanti, dei depositi munizioni e carburanti;
          * b) attività giudiziaria:
          o - Ministero della giustizia, Ministero della difesa, Ministero Economia e finanze: limitatamente all’assistenza alle udienze nei processi con rito direttissimo o con imputati in stato di fermo o detenzione, ai provvedimenti restrittivi della libertà personale; ai provvedimenti cautelari, urgenti ed indifferibili;
          * c) ordine pubblico, sicurezza e relazioni internazionali:
          o - Ministero della giustizia: Amministrazione penitenziaria e giustizia minorile, limitatamente alle attività amministrative relative alla custodia dei detenuti ed alla confezione e distribuzione dei pasti;
          o - Ministero dell’interno: Ufficio di Gabinetto del prefetto, cifrario e archivio generale della questura;
          o - Ministero degli affari esteri: centro cifra e telecomunicazioni in Italia e all’estero, prestazioni indispensabili di tutela dell’integrità ed incolumità dei connazionali all’estero e nell’ambito dell’unità di crisi;
          * d) attività sanitaria:
          o - Ministero della salute: sanità marittima ed aerea e servizio sanitario di confine, per gli animali vivi e per le merci rapidamente deperibili e non conservabili in frigorifero, nonché per i medicinali salvavita e nei casi di prevenzione di epidemie;
          o - Ministero della giustizia: assistenza sanitaria ai detenuti;
          o - Ministero della difesa - enti della sanità militare: servizio di pronto soccorso e pronto intervento
          * e) Ministero delle attività produttive: attività di propria competenza connessa allo sdoganamento di merce rapidamente deperibile non conservabile in frigorifero, medicinali salvavita ed animali vivi, ove previsto;
          * f) attività di sorveglianza idraulica di fiumi e altri corsi d’acqua e dei bacini idrici:
          o - periodo di preallarme e di piena;
          * g) attività di segnalazione costiera, marittima, terrestre ed aerea;
          * h) servizio elettorale:
          o - attività indispensabili nei giorni precedenti alla scadenza dei termini previsti dalla normativa vigente, per assicurare il regolare svolgimento delle consultazioni elettorali;
          * i) informazioni e notizie per il servizio meteorologico, per gli avvisi ai naviganti e per la viabilità, anche ai fini del soccorso aereo, marittimo e stradale;
          * l) servizio attinente alla protezione civile:
          o - attività relative ai piani di protezione civile da svolgere anche con personale in reperibilità qualora previste in via ordinaria anche nei giorni festivi;
          * m) erogazione di assegni e di indennità con funzioni di sostentamento:
          o - attività del servizio personale limitatamente all’erogazione degli emolumenti retributivi sopra citati, alla compilazione ed al controllo delle distinte per il versamento dei contributi previdenziali, in coincidenza con le scadenze di legge;
          * n) attività di supporto al funzionamento dei servizi scolastici durante lo svolgimento degli scrutini, degli esami di idoneità e di ciclo conclusivo.

          Consiglio di Stato e dei Tribunali amministrativi regionali
          Personale amministrativo necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * a) le attività strettamente collegate alla trattazione delle istanze cautelari e ricorsi elettorali;
          * b) la ricezione dei ricorsi da presentare a pena di decadenza nel giorno di sciopero;
          * c) la ricezione dei ricorsi con richiesta di provvedimento cautelare presidenziale;
          * d) il pagamento degli stipendi, delle pensioni e delle indennità sociali

          Ministero della Difesa
          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * 1. Attività riguardante la sicurezza degli impianti e custodia del patrimonio Sorveglianza e custodia natanti, bacini, depositi munizioni e carburanti nei casi in cui sono affidate esclusivamente a personale civile e nei limiti indispensabili.
          * 2. Attività giudiziaria - organi della giustizia militare

          Assistenza all’udienza nei processi con imputati arrestati, fermati o sottoposti a misure cautelari personali di tipo custodiale per i reati per i quali si procede;
          Provvedimenti restrittivi della libertà personale;
          Provvedimenti cautelari ed urgenti quando siano diretti a garantire il godimento dei diritti costituzionalmente protetti indicati dall’art. 1, primo comma, della legge 12 giugno 1990, n. 146.

          3. Attività per il funzionamento degli impianti a ciclo continuo

          * a) Assicurare i servizi di produzione, trasformare e distribuzione di energia elettrica e termica, nonché, per gli impianti idraulici, garantire anche la depurazione e lo smaltimento delle acque reflue (servizio ecologico)
          * b) Assicurare la continuità di funzionamento dei gruppi elettrogeni e TLC limitatamente ai servizi a ciclo continuo e/o di emergenza nei casi in cui è affidata esclusivamente a personale civile e comunque per l’area SMD e DIFESA GABINETTO.

          4. Attività sanitaria

          * a) Pronto soccorso parchi di salvataggio, camera di decompressione
          * b) Enti della Sanità militare, limitatamente al servizio di pronto soccorso e pronto intervento

          5. Attività di segnalazione costiera e marittima

          6. Attività di informazione e notizie per il servizio meteorologico
          Garantire l’acquisizione e la diffusione delle informazioni e notizie per il servizio meteorologico

          7. Attività di protezione civile
          Prestazioni di emergenza per garantire l’operatività delle Unità navali adibite a compiti di soccorso e protezione civile.
          Prestazioni ridotte anche con il personale in reperibilità.

          8. Attività per l’erogazione di assegni e indennità con funzione di sostentamento
          Pagamento degli stipendi e delle pensioni nei giorni prefissati per il tipo di servizio in base all’organizzazione presso i singoli Enti dell’A.D.

          9. Attività di produzione e distribuzione di beni di prima necessità, nonché di gestione e manutenzione dei relativi impianti

          Garantire, ove non possibile il ricorso al servizio sostitutivo, la predisposizione e distribuzione di pasti unici nelle aree operative, limitatamente al personale militare preposto all’attività di pronto impiego, laddove detto servizio è prestato esclusivamente da personale civile nonché garantire ai degenti nelle strutture sanitarie, ove non possibile il ricorso a servizio sostitutivo, la preparazione di diete speciali e la distribuzione dei pasti.


          Ministero della Giustizia

          Nell’ambito dell’Amministrazione giudiziaria costituiscono servizi essenziali quelli relativi:

          * 1) all’assistenza in udienza nei processi con imputati arrestati, fermati o sottoposti a misure cautelari personali di tipo custodiale per i reati per i quali si procede;
          * 2) ai provvedimenti restrittivi della libertà personale;
          * 3) ai provvedimenti cautelari ed urgenti quando siano diretti a garantire il godimento dei diritti costituzionalmente protetti indicati nell’art. 1, Co. 1 della l. 12 gennaio 1991, n.° 146;
          * 4) al servizio elettorale;
          * 5) al pagamento degli stipendi.

          Al fine di garantire i servizi essenziali vengono individuati i seguenti profili professionali:

          * a) Collaboratore di cancelleria;
          * b) Assistente giudiziario;
          * c) Operatore amministrativo o stenodattilografo o dattilografo;
          * d) Addetto ai servizi di vigilanza e custodia
          * e) Addetto ai servi ausiliari e di anticamera;
          * f) Conducente di automezzi speciali;
          * g) Operatore U.N.E.P.

          Per il servizio relativo al pagamento degli stipendi si ha riguardo al personale delegato alla riscossione e addetto alla cassa.


          POSTE

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * a) Accettazione delle raccomandate e delle assicurate. Il servizio da rendere all’utenza è limitato alla sola fase dell’accettazione e non anche a quella dell’inoltro degli oggetti.
          * b) Pagamento dei ratei di pensione in calendario.
          * c) Accettazione e trasmissione dei telegrammi e telefax. Il servizio da rendere all’utenza riguarda sia la fase dell’accettazione, anche a mezzo telefonico o telematico, sia quello dell’inoltro.
          * d) Servizio di accettazione, smistamento e recapito delle cartoline precetto all’insorgere dell’emergenza segnalata dal Ministero della Difesa.
          * e) Servizi di sorveglianza e di telesorveglianza per la sicurezza delle persone, per la salvaguardia e la funzionalità degli impianti, per la custodia dei fondi e dei valori, per la efficienza dei mezzi e delle attrezzature.


          SETTORE RADIOTELEVISIVO PUBBLICO

          Personale giornalistico e Personale tecnico e amministrativo RAI affinché siano garantite le prestazioni indispensabili collegate direttamente o indirettamente:

          * - alla trasmissione di eventi che, per la loro peculiarità, sono indicati espressamente con delibera dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (Delibera n. 47/06/CONS del 25 gennaio 2006 (che segue), formulata dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, in tema di “Individuazione degli eventi la cui trasmissione costituisce prestazione essenziale da assicurare in caso di sciopero del personale RAI”) ;
          * - alle trasmissioni elettorali, referendarie o comunque afferenti alle diverse forme di comunicazione politica regolamentate dalla Commissione Parlamentare per l’indirizzo Generale e la Vigilanza dei Servizi Radiotelevisivi ed a quelle d’informazione ed approfondimento che, nei periodi di campagna elettorale per i referendum e per le elezioni europee, nazionali, regionali, provinciali e comunali - ivi compreso l’eventuale periodo di ballottaggio - e per i due giorni successivi al compimento delle operazioni di voto, vengono ricondotte sotto la responsabilità di un Direttore di Testata ai sensi della legge n. 28 del 22 febbraio 2000;
          * - alle trasmissioni - diverse dai notiziari giornalistici per i quali valgono le previsioni di cui ai successivi punti a), b), f) - destinate alle minoranze linguistiche ed all’estero la cui realizzazione è frutto di accordi o specifiche convenzioni con le Pubbliche Amministrazioni.

          Inoltre, in relazione alla normale programmazione giornaliera, dovranno essere assicurati:

          * a. due giornali radio per il primo canale radiofonico ed un giornale radio sia per il secondo che per il terzo canale radiofonico, della durata di circa 6 minuti;
          * b. due edizioni di ciascun telegiornale nazionale della durata di circa 6 minuti;
          * c. un’edizione del telegiornale regionale della durata di circa 5 minuti;
          * d. tre aggiornamenti del servizio di Televideo, nelle fasce mattutina, meridiana e serale per consentire l’informazione anche ai non udenti;
          * e. due specifici TG di circa sei minuti per i canali televisivi satellitari all-news;
          * f. due specifici GR per la produzione informativa per gli Italiani all’estero curata da Rai International. Di concerto tra Azienda, Testata, Usigrai e CDR interessato sarà verificata di volta in volta l’opportunità di garantire alcune traduzioni in lingua straniera dei GR;
          * g. due aggiornamenti dell’offerta giornalistica aziendale in Internet.

          Delibera n. 47/06/CONS del 25 gennaio 2006, formulata dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Eventi la cui trasmissione costituisce prestazione da assicurare in caso di sciopero:

          * a) tutti gli avvenimenti di interesse sovranazionale di cui la RAI ottiene i diritti televisivi. In particolare:
          o 1) le Olimpiadi estive ed invernali;
          o 2) la finale e tutte le partite della nazionale italiana nel campionato del mondo di calcio;
          o 3) la finale e tutte le partite della nazionale italiana nel campionato europeo di calcio;
          o 4) tutte le partite della nazionale italiana di calcio, in casa e fuori casa, in competizioni ufficiali;
          o 5) la finale e le semifinali della Champions League e della Coppa UEFA qualora vi siano coinvolte squadre italiane;
          o 6) il Giro d’Italia;
          o 7) il Gran Premio d’Italia automobilistico di Formula 1;
          o 8) la Gara Motomondiale in Italia;
          o 9) eventi dei campionati mondiali ed europei di discipline sportive in cui sono impegnati atleti nazionali;
          * b) le trasmissioni a carattere istituzionale per:
          o 1) le ricorrenze istituzionali;
          o 2) le principali ricorrenze civili e religiose;
          o 3) le comunicazioni istituzionali;
          o 4) i notiziari straordinari;
          * c) le trasmissioni a carattere sociale:
          o 1) la raccolta fondi per scopi di ricerca e/o beneficenza.
          o d) le trasmissioni di costume:
          * 1) il Festival della canzone italiana di Sanremo;
          * 2) gli eventi connessi alla ricorrenza della festa del primo maggio.


          REGIONI E AUTONOMIE LOCALI E CAMERE DI COMMERCIO (PERSONALE NON DIRIGENTE)

          * 1. Personale necessario a garantire i seguenti Servizi pubblici essenziali:
          o a) stato civile e servizio elettorale;
          o b) igiene, sanità ed attività assistenziali;
          o c) attività di tutela della libertà della persona e della sicurezza pubblica;
          o d) produzione e distribuzione di energia e beni di prima necessità, nonché la gestione e la manutenzione dei relativi impianti, limitatamente a quanto attiene alla sicurezza degli stessi;
          o e) raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e speciali;
          o f) trasporti;
          o g) servizi concernenti l’istruzione pubblica;
          o h) servizi del personale;
          o i) servizi culturali.
          * 2. Nell’ambito dei servizi essenziali di cui al comma 1 è garantita, con le modalità di cui agli artt. 3, 4 e 5, esclusivamente la continuità delle seguenti prestazioni indispensabili per assicurare il rispetto dei valori e dei diritti costituzionalmente tutelati:
          * 3. raccoglimento delle registrazioni di nascita e di morte;
          * 4. attività prescritte in relazione alle scadenze di legge per assicurare il regolare svolgimento delle consultazioni elettorali dalla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali fino alla consegna dei plichi agli uffici competenti;
          * 5. servizi cimiteriali limitatamente al trasporto, ricevimento ed inumazione delle salme;
          * 6. servizio di pronto intervento e di assistenza, anche domiciliare, per assicurare la tutela fisica, la confezione, la distribuzione e somministrazione del vitto a persone non autosufficienti ed ai minori affidati alle apposite strutture a carattere residenziale;
          * 7. farmacie comunali: prestazioni ridotte con personale anche in reperibilità;
          * 8. servizio attinente ai mattatoi, limitatamente alla conservazione della macellazione nelle celle frigorifere e per la conservazione delle bestie da macello;
          * 9. servizio attinente ai magazzini generali, limitatamente alla conservazione ed allo svincolo dei beni deteriorabili;
          * 10. servizio attinente alla rete stradale (ivi compreso lo sgombero delle nevi), idrica, fognaria e di depurazione, con ridotto numero di squadre di pronto intervento in reperibilità 24 ore su 24;
          * 11. servizio cantieri, limitatamente alla custodia e sorveglianza degli impianti, nonché alle misure di prevenzione per la tutela fisica dei cittadini;
          * 12. fornitura di acqua, luce e gas, da garantire attraverso un ridotto numero di personale come nei giorni festivi nonché con la reperibilità delle squadre di pronto intervento ove normalmente previste;
          * 13. servizio attinente ai giardini zoologici e fattorie, limitatamente all’intervento igienico sanitario e di vitto per gli animali e alla custodia degli stessi;
          * 14. servizio di polizia municipale, da assicurare con un nucleo di personale adeguato limitatamente allo svolgimento delle prestazioni minime riguardanti:
          o a) attività richiesta dall’autorità giudiziaria e interventi in caso di trattamenti sanitari obbligatori;
          o b) attività di rilevazione relativa all’infortunistica stradale;
          o c) attività di pronto intervento;
          o d) attività della centrale operativa;
          o e) vigilanza casa municipale;
          o f) assistenza al servizio di cui al n. 8, in caso di sgombero della neve;
          * 15. servizi culturali: da assicurare solo l’ordinaria tutela e vigilanza dei beni culturali di proprietà dell’amministrazione;
          * 16. servizi del personale limitatamente all’erogazione degli assegni con funzione di sostentamento ed alla compilazione e al controllo delle distinte per il versamento dei contributi previdenziali ove coincidente con l’ultimo giorno di scadenza di legge;
          * 17. servizio di protezione civile, da presidiare con personale in reperibilità;
          * 18. servizio di nettezza urbana, nei termini fissati dal vigente accordo di settore;
          * 19. servizio attinente alle carceri mandamentali, limitatamente alla vigilanza, confezione e distribuzione del vitto;
          * 20. servizi educativi e scolastici, secondo le indicazioni degli artt. 3 e 4 del presente accordo;
          * 21. servizio trasporti, ivi compresi quelli gestiti dagli autoparchi: sono garantiti i servizi di supporto erogati in gestione diretta ad altri servizi comunali riconosciuti tra quelli essenziali;
          * 22. rilascio certificati e visure dal registro delle imprese con diritto di urgenza per partecipazione a gare di appalto;
          o - deposito bilanci e atti societari;
          o - certificazione per l’esportazione e l’importazione temporanea di merce (carnet ATA-TIR);
          o - certificazione per lo sdoganamento limitatamente alle merci deperibili;
          o ali prestazioni sono garantite solo limitatamente alle scadenze di legge, ove previste;
          o - registrazione brevetti.


          DISCIPLINA PARTICOLARE PER IL PERSONALE DOCENTE DELLE SCUOLE MATERNE E DELLE ALTRE SCUOLE GESTITE DAGLI ENTI LOCALI

          * 1. Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:
          o a) attività, dirette e strumentali, riguardanti lo svolgimento degli scrutini e degli esami finali nonché degli esami di idoneità;
          o b) attività, dirette e strumentali, riguardanti lo svolgimento degli esami finali, con particolare riferimento agli esami conclusivi dei cicli di istruzione dei diversi ordini e gradi del sistema scolastico (esami di licenza elementare, esami di licenza media, esami di qualifica professionale e di licenza d’arte, esami di abilitazione del grado preparatorio, esami di stato);
          o c) vigilanza sui minori durante i servizi di refezione, ove funzionanti, nei casi in cui non sia possibile una adeguata sostituzione del servizio;


          DISCIPLINA PARTICOLARE PER IL PERSONALE EDUCATIVO DEGLI ASILI NIDO

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili: svolgimento dell’attività educativa, di assistenza e vigilanza dei bambini.


          ATER (ex IACP)

          Personale necessario a garantire i seguenti servizi pubblici essenziali e prestazioni indispensabili:

          * a) gestione e manutenzione degli impianti e del patrimonio dell’Ente (in proprietà o gestione, ivi compresa la sede dell’Ente), limitatamente alla tutela dell’incolumità di cose e persone;
          * b) servizi del personale.
          * c) servizio cantieri, limitatamente alla custodia e sorveglianza degli impianti, nonché misure di prevenzione per la tutela fisica dei cittadini;
          * d) attività antinfortunistica e di pronto intervento;
          * e) servizi del personale limitatamente all’erogazione degli emolumenti retributivi, all’erogazione degli assegni con funzione di sostentamento ed alla compilazione e al controllo delle distinte per il versamento dei contributi previdenziali per le scadenze di legge;
          * f) servizio di protezione civile, per quanto di eventuale competenza dell’azienda, da presidiare con personale in reperibilità;


          ENEA

          Personale necessario a garantire i seguenti servizi pubblici essenziali e Prestazioni indispensabili:

          * A) Protezione civile e tutela della sicurezza pubblica
          o 1) Attività relativa a prestazioni attinenti ai servizi di protezione civile.
          o 2) Attività volte a fronteggiare situazioni di emergenza, dichiarate dalle competenti autorità nazionali o locali, o necessarie a ridurre le cause di rischio, al fine di garantire la pubblica incolumità.
          o 3) Attività comunque richieste dalle autorità preposte alla protezione civile, con particolare riferimento a quelle attività inerenti le osservazioni geologiche, geofisiche, sismologiche e vulcanologiche, nonché relative al rilevamento di fattori nocivi all’ambiente ed alla salute.
          * B) Tutela dell’ambiente e del territorio:
          o a) Attività la cui interruzione comporti danni, anche potenziali, nell’ambiente o alle persone ed in particolare quelle attività relative:
          + 1. alla raccolta e trattamento dei rifiuti speciali, tossici, nocivi e radioattivi;
          + 2. al controllo dell’inquinamento atmosferico, idrico e terrestre, causato da agenti nocivi fisici, chimici o biologici;
          + 3. al controllo secondo metodi biodosimetrici;
          + 4. al controllo dei fattori ambientali di rischio;
          * C) Sicurezza nucleare e protezione dell’uomo e dell’ambiente dalle radiazioni ionizzanti:
          o a) Attività relativa alla conservazione in sicurezza di impianti, laboratori ed apparecchiature, dove sono utilizzate sostanze radioattive naturali o artifi-ciali, nonché i depositi di materie fissili, ivi compreso il loro trasporto, di rifiuti radioattivi, di materie grezze e di minerali radioattivi, laddove l’inter-ruzione del funzionamento comporti danni, anche potenziali, all’ambiente, alle persone ed alle apparecchiature stesse;
          o b) Attività relativa alla sorveglianza del livello di radioattività nell’ambiente e nei luoghi di lavoro;
          o c) Gestione dei rischi ed attuazione dei piani di emergenza.
          o d) Protezione sanitaria derivante da emergenza nucleare.
          * D) Prevenzione e protezione dei lavoratori dai rischi dei luoghi di lavoro.
          o a) Custodia in sicurezza e salvaguardia dei laboratori, delle apparecchiature e degli impianti anche a ciclo continuo laddove l’interruzione del funzionamento comporti danni, anche potenziali, all’ambiente, alle persone o alle apparecchiature con particolare riferimento agli impianti dove sono utilizzati agenti nocivi fisici, chimici o biologici.
          * E) Sicurezza e salvaguardia dei laboratori degli impianti e dei materiali ivi compresa la cura degli animali e delle piante;
          o a) Salvaguardia degli esperimenti e campagne sperimentali in corso, con modalità difficilmente ripetibili, laddove la loro interruzione ne pregiudichi il risultato;
          o b) Cura degli animali delle piante destinate alla sperimentazione e delle culture biologiche laddove l’interruzione ne pregiudichi la sopravvivenza.
          * F) Fornitura energetica, gestione e manutenzione di impianti:
          o a) Attività finalizzate ad assicurare il funzionamento degli impianti preposti alla continuità dei servizi essenziali, per quanto di competenza del personale e in particolare:
          + 1. conduzione degli impianti di servizio idrico, termico ed elettrico (luce acqua, gas ecc.), ordinari, di continuità e di emergenza;
          + 2. interventi urgenti di manutenzione degli impianti
          + 3. gestione dei centri di elaborazione dati, delle banche dati e delle reti informatiche, al fine di non comprometterne la funzionalità.
          * G) Erogazione di assegni e indennità con funzioni di sostentamento
          o a. Attività dei servizi competenti limitatamente all’erogazione degli assegni e delle indennità con funzioni di sostentamento, adempimenti necessari alla compilazione, controllo e trasmissione delle distinte per assicurare il rispetto delle scadenze relative al versamento dei contributi previdenziali, nonché dei connessi adempimenti fiscali per il periodo di tempo strettamente necessario in base all’organizzazione dell’ente.


          SCUOLA

          Servizi pubblici essenziali:

          * a)l’istruzione scolastica, in particolare per gli aspetti contemplati dall’art. 1 della legge 12 giugno 1990, n. 146, comma 2, lettera d);
          * b) igiene, sanità e attività assistenziali a tutela dell’integrità fisica delle persone;
          * c) attività relative alla produzione e alla distribuzione di energia e beni di prima necessità, nonché gestione e manutenzione dei relativi impianti; sicurezza e salvaguardia degli edifici, delle strutture e degli impianti connessi con il servizio scolastico;
          * d) erogazione di assegni e di indennità con funzione di sostentamento.

          I servizi di cui alle lettere b), c) e d) sono considerati per gli aspetti strettamente connessi e collegati al servizio di cui alla lettera a).

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili :

          * a) attività, dirette e strumentali, riguardanti lo svolgimento degli scrutini e degli esami finali nonché degli esami di idoneità;
          * b) attività, dirette e strumentali, riguardanti lo svolgimento degli esami finali, con particolare riferimento agli esami conclusivi dei cicli di istruzione nei diversi ordini e gradi del sistema scolastico (esami di licenza elementare, esami di licenza media, esami di qualifica professionale e di licenza d’arte, esami di abilitazione all’insegnamento del grado preparatorio, esami di stato);
          * c) vigilanza sui minori durante i servizi di refezione, ove funzionanti, nei casi in cui non sia possibile una adeguata sostituzione del servizio;
          * d) vigilanza degli impianti e delle apparecchiature, laddove l’interruzione del funzionamento comporti danni alle persone o alle apparecchiature stesse;
          * e) attività riguardanti la conduzione dei servizi nelle aziende agricole per quanto attiene alla cura e all’allevamento del bestiame;
          * f) raccolta, allontanamento e smaltimento dei rifiuti tossici, nocivi e radioattivi;
          * g) adempimenti necessari per assicurare il pagamento degli stipendi e delle pensioni, secondo modalità da definire in sede di contrattazione decentrata e comunque per il periodo di tempo strettamente necessario in base alla organizzazione delle singole istituzioni scolastiche;
          * h) servizi indispensabili nelle istituzioni educative, come indicati nelle precedenti lettere c) e d), con particolare riferimento alla cucina ed alla mensa ed alla vigilanza sugli allievi anche nelle ore notturne.


          TELECOMUNICAZIONI

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * a) la continuità della normale erogazione dei servizi che assicurano collegamenti telematici e telefonici idonei a garantire il godimento di diritti della persona costituzionalmente tutelati;
          * b) la salvaguardia degli impianti, dei sistemi di elaborazione e apparati di rete nonché il regolare ripristino degli stessi in caso di guasti che compromettono il funzionamento delle linee telefoniche e trasmissione dati;
          * c) il servizio di customer care per ciò che attiene esclusivamente alle attività finalizzate a garantire la libertà di comunicazione. Nel caso di attività miste nell’ambito del customer care, saranno garantite, previo avviso all’utenza, le sole segnalazioni guasti e le informazioni di valenza sociale connesse al godimento di diritti della persona costituzionalmente tutelati, fermo restando quanto previsto dall’ultimo comma dell’art. 3;
          * d) per quel che riguarda il collegamento telefonico fino al punto di accesso dell’abbonato alla rete telefonica, dovrà essere assicurata la ricezione della segnalazione del guasto, o comunque di altro tipo di interruzione del servizio da parte dell’utente al fine di assicurarne tempestivamente la riparazione.


          TRASPORTO MERCI

          Personale necessario a garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * - Trasporto e distribuzione stampa e materiale elettorale al fine di garantire la libertà di comunicazione ed il regolare svolgimento delle consultazioni elettorali.
          * - Trasporto e distribuzione a giorni alterni del latte.
          * - Trasporto di tutti i prodotti destinati a ospedali, farmacie ricoveri, mense, scuole, cliniche, case di cura, al fine di tutelare il rifornimento nei luoghi di istruzione e di assistenza.
          * - Trasporto di animali vivi destinati alla macellazione per assicurare i rifornimenti indispensabili agli stabilimenti destinati a tale scopo.
          * - Trasporto di materiali agli altiforni, limitatamente al materiale destinato al mantenimento delle necessarie calorie al fine di garantire l’approvvigionamento solo per quanto attiene alla sicurezza degli impianti.
          * - Trasporto di rifiuti, acqua potabile e prodotti per allevamento, quando l’emergenza è sancita dalle A.S.L. competenti per territorio con richiesta avanzata dalle prefetture oppure da organismi territoriali della protezione Civile.
          * - Trasporto di carburante alla rete di pubblico approvvigionamento, nella misura del 50%, che si realizzerà tramite il concorso degli automezzi in disponibilità del conto proprio.


          UNIVERSITÀ

          Personale necessario a garantire i seguenti Servizi essenziali e prestazioni indispensabili:

          * Istruzione universitaria
          o - esami conclusivi dei cicli di istruzione di cui all’ art. 1 della legge 19 novembre 1990, n. 341;
          o - procedure di immatricolazione ed iscrizione ai corsi di istruzione universitaria per un periodo non inferiore a un terzo dei giorni lavorativi complessivamente previsti a tal fine in ciascuna amministrazione;
          o - certificazioni per rinvio del servizio militare e partecipazione a concorsi, nei casi di documentata urgenza per scadenza dei termini.
          * Assistenza sanitaria
          o A. Assistenza d’urgenza
          + - pronto soccorso, medico e chirurgico;
          + -rianimazione, terapia intensiva;
          + - unità coronariche;
          + - assistenza ai grandi ustionati;
          + - emodialisi;
          + - prestazioni di ostetricia connesse ai parti;
          + -medicina neonatale;
          + -servizio ambulanze, compreso eliambulanze
          + -servizio trasporti infermi
          + Alle suddette prestazioni indispensabili deve essere garantito il supporto attivo delle prestazioni specialistiche, diagnostiche e di laboratorio, ivi compresi i servizi trasfusionali, necessarie al loro espletamento.
          o B. Assistenza ordinaria
          + - servizi di area chirurgica per l’emergenza, terapia sub-intensiva e attività di supporto ad esse relative;
          + - unità spinali;
          + - prestazioni terapeutiche e riabilitative già in atto o da avviare, ove non dilazionabili senza danni per le persone interessate;
          + -assistenza a persone portatrici di handicap mentali, trattamenti sanitari obbligatori;
          + -assistenza ad anziani ed handicappati, anche domiciliare e in casa protetta;
          + -nido e assistenza neonatale;
          + -attività farmaceutica concernente le prestazioni indispensabili;
          + -trattamento di malattie mentali in fase acuta;
          + -igiene personale degli assistiti non autosufficienti.
          o C. Attività di supporto logistico, organizzativo ed amministrativo
          + -servizio di portineria sufficiente a garantire l’accesso e servizi telefonici essenziali che, in relazione alle tecnologie utilizzate nell’ente, assicurino la comunicazione all’interno ed esterno dello stesso;
          + -servizi di cucina: preparazione delle diete speciali, preparazione con menù unificato degli altri pasti o, in subordine, servizio sostitutivo; distribuzione del vitto e sua somministrazione alle persone non autosufficienti; banche latte per i neonati;
          + -raccolta e allontanamento dei rifiuti solidi dai luoghi di produzione; raccolta, allontanamento e smaltimento dei rifiuti speciali, tossici, nocivi e radioattivi, per quanto di competenza e secondo la legislazione vigente;
          + -servizi della Direzione sanitaria finalizzati ad assicurare le prestazioni indispensabili;
          + -attività amministrativa di accettazione relativa ai ricoveri urgenti.
          o D. Sicurezza e salvaguardia dei laboratori e cura di animali e di piante
          + -salvaguardia degli impianti e delle apparecchiature operanti a ciclo continuo, laddove l’interruzione del funzionamento comporti danni alle persone o alle apparecchiatura stesse;
          + -salvaguardia degli esperimenti in corso, con modalità irripetibili, laddove la loro interruzione ne pregiudichi il risultato;
          + -cura non rinviabile degli animali, delle piante e delle colture biologiche.
          o E. Protezione civile, igiene e sanità pubblica, e tutela dell’ambiente e del territorio
          + - raccolta e trattamento dei rifiuti speciali, tossici, nocivi e radioattivi solidi, liquidi o gassosi;
          + - attività previste nei piani di protezione civile;
          + -attività comunque richieste nei casi di emergenza dalle competenti autorità con particolare riferimento ad attività inerenti l’igiene e la sanità pubblica, le osservazioni, geologiche, geofisiche, sismologiche e vulcanologiche, con prestazioni ridotte anche in regime di reperibilità.
          o F. Distribuzione di energia, gestione e manutenzione di impianti tecnologici
          + - attività connesse alla funzionalità delle centrali termoidrauliche e degli impianti tecnologici (luce, acqua, gas, ecc.) necessari. per l’espletamento delle prestazioni suindicate;
          + -interventi urgenti di manutenzione degli impianti.
          o G. Erogazione di assegni e di indennità con funzioni di sostentamento
          + - adempimenti necessari per assicurare il pagamento degli emolumenti retributivi e alla compilazione e controllo delle distinte per il versamento dei contributi previdenziali durante le scadenze di legge, secondo modalità da definirsi in sede di contrattazione decentrata e comunque per il periodo di tempo strettamente necessario in base all’organizzazione delle singole amministrazioni.


          VIGILI DEL FUOCO

          Il personale necessario per assicurare i seguenti servizi essenziali

          * 1) Il soccorso tecnico urgente: tutti gli interventi di estinzione degli incendi e in genere i servizi tecnici urgenti di primaria competenza del Corpo Nazionale VV.F. richiesti in situazioni che comportino danno o pericolo di danno all’incolumità delle persone e dei beni.
          * 2) Il Servizio antincendi aeroportuale: nei limiti e secondo le fasce orarie prevedute dal presente accordo e dall’accordo generale del settore del trasporto aereo, in modo da garantire, nell’arco dell’intera giornata, la misura del 50% dei voli di linea nazionali ed esteri previsti dall’orario generale in vigore e in tal senso ivi esplicitamente segnalati ovvero, in mancanza dell’accordo generale predetto, nei limiti previsti dalle delibare della Commissione di Garanzia per l’attuazione della legge n. 146/1990.

          Le sedi operative che devono assicurare i servizi essenziali sono:

          * a) Ispettorati Regionali ed Interregionali;
          * b) Comandi Provinciali (Sedi Centrali);
          * c) Distaccamenti (terrestri, portuali e aeroportuali);
          * d) Nuclei elicotteri e sommozzatori;
          * e) Sale Operative;
          * f) Scuole Centrali Antincendi e strutture collegate.

          In particolare, per ciascuna sede dovranno essere coperti rispettivamente i seguenti settori, le cui attività costituiscono prestazioni indispensabili dei servizi essenziali individuati nel precedente punto:

          * a) Ispettori Regionali ed Interregionali
          o - Sala operativa;
          o - Il Dirigente;
          o - Servizio Telecomunicazioni (almeno 2 addetti).
          * b ) Comandi Provinciali (Sedi Centrali )
          o - Centralino e/o Sala Operativa;
          o - Magazzino di pronto intervento (almeno 1 addetto);
          o - Attività di Capo Reparto o Capo Turno;
          o - Squadre d’intervento ordinariamente previste;
          o - Il Funzionario tecnico di guardia (almeno uno per i Comandi piccoli, almeno due per quelli medi, almeno tre per quelli grandi, oppure quelli ordinariamente previsti);
          o - Il Dirigente.
          * c) Distaccamenti
          o - Centralino telefonico e collegamento radio;
          o - Squadre di intervento ordinariamente previste; nei distaccamenti aeroportuali le squadre d’intervento garantiscono durante lo sciopero soltanto le prestazioni necessarie ad assicurare il traffico aereo individuato come essenziale dal presente accordo e dagli accordi generali del trasporto aereo ovvero, in mancanza di questi, dalle delibere della Commissione di Garanzia per l’ attuazione della legge n. 146/1990.
          * d) Nuclei Elicotteri e Sommozzatori
          o - Centralino telefonico e collegamento radio;
          o - L’equipaggio ordinariamente previsto per il tipo di aeromobile;
          o - Le squadra di operatori subacquei ordinariamente prevista per l’intervento
          * e) Sale Operative
          o - Le Sale Operative del S.T.C del Corpo Nazionale presso il Ministero dell’Interno degli Ispettorati Regionali ed Interregionali devono assicurare il servizio secondo l’ordinario contingente. Rientrano in questo ambito il Dirigente reperibile nonché, per il S.T.C., un funzionario tecnico dell’Ispettorato Emergenza e dell’Ispettorato Impianti e Telecomunicazioni.
          * f) Scuole Centrali Antincendi e strutture collegate
          * Presso la struttura delle S.C.A. e i Centri di Montelibretti e Castelnuovo di Porto dovranno essere assicurate le attività dei seguenti settori:
          o - Un Dirigente;
          o - Centralino radiotelefonico;
          o - L’ Infermeria, comprensiva del servizio di autolettiga;
          o - Centrali termiche;
          o - Servizio di vigilanza degli Allievi Vigili Volontari Ausiliari di Leva con un nucleo costituito da due addetti.

          Dovrà inoltre essere garantito il funzionamento di:

          * g) Centro Radio Capannelle (1 Capo turno e 2 addetti) ;
          * h) Laboratorio di Difesa Atomica del C.S.E. (1 funzionario e 3 addetti).
          o - Personale necessario per garantire il servizio di vigilanza antincendi durante manifestazioni di pubblico spettacolo, nei casi individuati dalla contrattazione decentrata.


          NCC

          Tutto il personale viaggiante delle aziende esercenti noleggio autobus con conducente (trasporto casa-luogo di istruzione, casa-luogo di lavoro, casa-caserma, e viceversa); con esclusione dei servizi di trasporto turistico.


          ENERGIA

          Tutto il personale addetto al funzionamento delle centrali e degli impianti di produzione e distribuzione di energia.


          GAS/ACQUA

          Tutto il personale addetto all’erogazione dei servizi a rete ed alla tutela e alla sicurezza di impianti, lavoratori ed utenti.


          CONSORZI DI BONIFICA

          Il personale dei Consorzi di Bonifica, degli Enti similari consortili di diritto pubblico, dei Consorzi di miglioramento fondiario, di irrigazione, idraulici di scolo e loro raggruppamenti comunque denominati, necessario per assicurare i seguenti servizi pubblici essenziali: lo scolo dei terreni, la difesa del suolo, la salvaguardia dell’ambiente, l’irrigazione dei terreni, la fornitura di acqua ad uso idropotabile, il presidio dei relativi impianti comprese le dighe.


          CARBURANTI

          Personale addetto alla distribuzione del carburante per la rete stradale, autostradale e della viabilità urbana ed extraurbana, necessario per assicurare le prestazioni indispensabili previste dalla regolamentazione attuativa della legge 146/1990.


          CIRCOLAZIONE E SICUREZZA STRADALE

          Tutto il personale coinvolto, a qualunque titolo, nell’erogazione del servizio di soccorso meccanico nelle ipotesi di veicolo fermo, per avaria, incidente, o altra situazione di pericolo, sulle carreggiate, sulle rampe, sugli svincoli, sulle corsie di emergenza, nonché nelle aree di servizio o di parcheggio; Tutto il personale coinvolto a qualunque titolo nelle prestazioni connesse alla sicurezza degli utentisulla rete autostradale, con particolare riguardo alle ipotesi di soccorso sanitario, nonché agli interventi tesi alla salvaguardia e al ripristino delle condizioni di sicurezza della viabilità.


          FUNERARIO

          Il personale necessario per assicurare le seguenti prestazioni indispensabili:

          * - servizio di pronto intervento per il recupero delle salme e di reperibilità a tale servizio finalizzata;
          * - operazioni tanatologiche e conservative delle salme;
          * - servizi connessi con il deposito di osservazione e l'obitorio di cui al titolo III del DPR 10.9.90 n. 285;
          * - rilascio e registrazione di autorizzazione al trasporto e/o alla sepoltura;
          * - trasporto funebre di salme di persone decedute in private abitazioni o di persone morte in strutture sanitarie o assistenziali non dotate di cella frigorifera ovvero di salme giacenti nei depositi di osservazione oltre due giorni;
          * - trasporto di salme a lunga distanza nel corso di effettuazione dello stesso, intendendosi per tale la sola impossibilità di interrompere il trasporto durante la sua effettuazione.


          CREDITO

          Il personale necessario per assicurare le seguenti prestazioni indispensabili:

          * a) Servizio bancario di erogazione di emolumenti retributivi e di quanto economicamente necessario al soddisfacimento delle necessità della vita attinenti ai diritti della persona costituzionalmente garantiti, comprese le attività strumentali (centri di elaborazione dati, centri servizi e Internet).
          * b) Servizi di erogazione effettuati anche a mezzo del servizio bancario, per quanto concerne l'assistenza e la previdenza sociale.
          * c) Servizio di Tesoreria provinciale dello Stato, con riferimento alle strutture funzionalmente preposte e comunque collegate al pagamento di stipendi e pensioni (Filiali di Banca d’Italia).
          * d) Tutte le prestazioni lavorative funzionalmente preposte al pagamento degli stipendi e delle pensioni ai cittadini residenti all’estero e nelle strutture funzionalmente connesse.


          IGIENE AMBIENTALE

          Personale necessario per assicurare le seguenti prestazioni indispensabili:

          * a) Raccolta e trasporto dei rifiuti definiti pericolosi ai sensi della normativa vigente di legge.
          * b) Raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani ed assimilati pertinenti a:
          o - utenze scolastiche;
          o - mense pubbliche e private di enti assistenziali;
          o - ospedali - case di cura - comunità terapeutiche (compreso lo spazzamento della viabilità interna);
          o - ospizi, centri di accoglienza, orfanotrofi;
          o - stazioni ferroviarie, marittime, aeroportuali;
          o - caserme;
          o - carceri.
          * c) Pulizia (spazzamento, raccolta dei rifiuti e lavaggio): dei mercati; delle aree di sosta attrezzate; delle aree di grande interesse turistico museale in misura non superiore al 20% delle aree dei centri storici così come individuate dai piani regolatori dei Comuni.
          * d) Trasporto, svuotamento dei mezzi di raccolta e trattamento negli impianti, comprese le discariche, dei rifiuti derivanti dalle prestazioni indispensabili e da altri mezzi eventualmente in servizio, avuto riguardo al personale strettamente necessario alla loro effettuazione e alle caratteristiche tecniche dell’impianto, con la salvaguardia della erogazione di energia elettrica e/o termica nei servizi a rete.
          * e) Trattamento delle acque negli impianti di potabilizzazione, desalinizzazione e depurazione.
          * f) Raccolta delle siringhe, nonché disinfestazione, derattizzazione e disinfezione per casi urgenti e su segnalazione dell’autorità sanitaria e per ogni altro caso che sia oggetto di ordinanza emessa da parte dell’autorità sanitaria e/o di pubblica sicurezza.
          * g) Servizio di pronto intervento da parte delle officine per l’assistenza ai mezzi ed ai macchinari in servizio.
          * h) Ripristino delle condizioni di sicurezza e dell’agibilità stradale a seguito di frane, nevicate, allagamenti e ostruzioni di reti fognarie.
          * i) Presidio di pronto intervento.
          * j) Servizio di vigilanza e di pronto intervento relativamente alla sicurezza dei cantieri e alla gestione degli immobili delle ATER.
          * k) Attività funerarie (con riferimento all’Accordo 29.7.1991 per gli addetti ai servizi funerari nonché al D.P.R. n. 285/1990).
          * l) Altre attività eventualmente svolte dalle imprese in applicazione dell’Accordo Regioni - Enti Locali 6/7/1995, che rientrino nel campo di applicazione dell’art. 1 della Legge 146/1990.


          PULIZIE/MULTISERVIZI

          Personale addetto ai servizi di pulizia strumentali all’erogazione di servizi pubblici essenziali, al fine di garantire la funzionalità dei servizi igienici destinati agli utenti, nonché la rimozione dei rifiuti organici, nocivi e maleodoranti, onde garantire l’agibilità dei locali e/o mezzi di trasporto in maniera da consentire comunque l’erogazione dei servizi pubblici essenziali. In particolare, sono da garantire i seguenti servizi di pulizia:

          * a) servizi in sale operatorie, sale di degenza, pronto soccorso e servizi igienici in ambienti sanitari ed ospedalieri;
          * b) servizi in asili nido, scuole materne ed elementari e servizi in comunità di particolare significato (carceri, caserme, ospizi), con particolare riguardo ai servizi igienici; alla raccolta di rifiuti in ambienti particolari (es. mense e refettori, ecc.) nei servizi di cui alla presente lettera;
          * c) servizi in locali adibiti a pronto soccorso, infermeria presso impianti aeroportuali e assimilabili;
          * d) gestione e controllo degli impianti e relativi servizi di sicurezza strumentali alla erogazione dei servizi pubblici essenziali.


          FARMACIE / DISTRIBUZIONE FARMACI

          * - Il personale necessario per garantire l’ attività di erogazione del farmaco nelle farmacie municipalizzate, private e ospedaliere;
          * - Il personale necessario per garantire l’attività di servizio di fornitura dei farmaci di rilevanza curativa, assicurata, da parte delle Aziende di distribuzione dei medicinali all’ingrosso e di distribuzione intermedia di prodotti medicinali, per i prodotti che abbiano valenza curativa, a tutte le Farmacie private e pubbliche dislocate capillarmente sul territorio nazionale, nonché a Farmacie ospedaliere, ASL e suoi Presidi, Ospedali, Case di Cura e di Riposo ed altri Enti autorizzati ad erogare prestazioni farmaceutiche.
          * - Il personale necessario per garantire le attività di allestimento dei farmaci di rilevanza curativa sulla base degli ordini delle farmacie, ivi compreso il servizio di trasporto per la consegna di quanto richiesto dalle farmacie stesse.


          SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE E SANITA’ PRIVATA

          Il personale del Servizio Sanitario Nazionale necessario per garantire i seguenti servizi:

          * a) assistenza sanitaria;
          * b) igiene e sanità pubblica;
          * c) veterinaria;
          * d) protezione civile;
          * e) distribuzione di energia, gestione e manutenzione di impianti tecnologici;
          * f) erogazione di assegni e di indennità con funzioni di sostentamento.

          Nell’ambito dei servizi essenziali di cui al comma 1 è garantita la continuità delle seguenti prestazioni indispensabili per assicurare il rispetto dei valori e dei diritti costituzionalmente tutelati:

          * A) Assistenza sanitaria:
          o A1) Assistenza d’urgenza:
          + - pronto soccorso medico e chirurgico;
          + - rianimazione, terapia intensiva;
          + - unità coronariche;
          + - assistenza ai grandi ustionati;
          + - emodialisi;
          + - prestazioni di ostetricia connesse ai parti;
          + - medicina neonatale;
          + - servizio ambulanze, compreso eliambulanze;
          + - servizio trasporto infermi.
          o A2) Assistenza ordinaria:
          + - servizi di area chirurgica per l’emergenza, terapia sub-intensiva e attività di supporto ad esse relative;
          + - unità spinali;
          + - prestazioni terapeutiche e riabilitative già in atto o da avviare, ove non dilazionabili senza danni per le persone interessate;
          + - assistenza a persone portatrici di handicap mentali, trattamenti sanitari obbligatori;
          + - assistenza ad anziani ed handicappati, anche domiciliare ed in casa protetta;
          + - nido e assistenza neonatale;
          + - attività farmaceutica concernente le prestazioni indispensabili.
          + Alle suddette prestazioni indispensabili deve essere garantito il supporto attivo delle prestazioni specialistiche, diagnostiche e di laboratorio, ivi compresi i servizi trasfusionali, necessari al loro espletamento.
          o A3) Attività di supporto logistico, organizzativo ed amministrativo:
          + - servizio di portineria sufficiente a garantire l’accesso e servizi telefonici essenziali che, in relazione alle tecnologie utilizzate nell’ente, assicurino la comunicazione all’interno ed all’esterno dello stesso;
          + - servizi di cucina: preparazione delle diete speciali, preparazione con menu unificato degli altri pasti o, in subordine, servizio sostitutivo; distribuzione del vitto e sua somministrazione alle persone non autosufficienti; banche latte per i neonati;
          + - raccolta e allontanamento dei rifiuti solidi dai luoghi di produzione; raccolta, allontanamento e smaltimento dei rifiuti speciali, tossici, nocivi e radioattivi, per quanto di competenza e secondo la legislazione vigente;
          + - servizi della direzione sanitaria nei cinque giorni che precedono le consultazioni elettorali europee, nazionali e amministrative, nonché quelle referendarie.
          * B) Igiene e sanità pubblica:
          o - referti, denunce, certificazioni ed attività connesse all’emanazione di provvedimenti contingibili e urgenti;
          o - controllo per la prevenzione dei rischi ambientali e di vigilanza, nei casi d’urgenza, sugli alimenti e sulle bevande. Dette prestazioni sono garantite in quegli enti ove esse siano già assicurate, in via ordinaria, anche nei giorni festivi.
          * C) Veterinaria:
          o - vigilanza e controllo, ove non dilazionabili, in presenza o sospetto di tossicoinfezioni relative ad alimenti di origine animale;
          o - vigilanza ed interventi urgenti in caso di malattie infettive e di zoonosi;
          o - controllo, ove non dilazionabile, degli animali morsicatori ai fini della profilassi antirabbica;
          o - ispezione veterinaria e macellazione d’urgenza degli animali in pericolo di vita;
          o - referti, denunce, certificazioni ed attività connesse alla emanazione di provvedimenti contingibili e urgenti.
          * D) Protezione civile:
          o - attività previste nei piani di protezione civile da svolgere con personale in reperibilità, qualora previste in via ordinaria, anche nei giorni festivi.
          * E) Distribuzione di energia, gestione e manutenzione di impianti tecnologici:
          o - attività connesse alla funzionalità delle centrali termoidrauliche e degli impianti tecnologici (luce, acqua, gas, servizi sanitari, informatici, ecc.) necessari per l’espletamento della prestazioni sopra indicate;
          o - interventi urgenti di manutenzione degli impianti.
          * F) Erogazione di assegni e di indennità con funzioni di sostentamento:
          o - attività del servizio del personale limitatamente all’erogazione degli emolumenti retributivi in oggetto ed alla compilazione ed al controllo delle distinte per il versamento dei contributi previdenziali in coincidenza con le scadenze di legge; tale servizio deve essere garantito solo nel caso che lo sciopero sia proclamato per i dipendenti dei servizi del personale per l’intera giornata lavorativa e nei giorni compresi tra il 5 ed il 15 di ogni mese.


          PERSONALE CONVENZIONATO COL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

          * a) Medici di Famiglia o della assistenza primaria;
          * b) Medici della Continuità assistenziale;
          * c) Medici di Emergenza sanitaria;
          * d) Medici della Dirigenza Medica Territoriale e delle attività territoriali programmate
          * Il personale necessario per assicurare le prestazioni che rientrano nell’ambito dei servizi socio- sanitari - assistenziali - educativi erogati nell’ambito di strutture private, tra cui le strutture appartenenti alla unitaria struttura associativa ANFFAS ONLUS, in particolare al fine di garantire la continuità delle seguenti prestazioni indispensabili:
          o a) Assistenza ordinaria:
          + - prestazioni terapeutiche e riabilitative già in atto e non rinviabili;
          + - assistenza a persone con disabilità;
          o b) Attività di supporto logistico, organizzativo ed amministrativo:
          + - servizio di portineria sufficiente a garantire l’accesso e servizi telefonici essenziali che, in relazione alle tecnologie utilizzate nell’ente, assicurino la comunicazione all’interno ed all’esterno dello stesso;
          + - servizio di cucina: preparazione delle diete speciali, preparazione con menu unificato degli altri pasti o, in subordine, servizio sostitutivo; distribuzione del vitto e sua somministrazione alle persone non autosufficienti;
          + - servizio di trasporto ed ogni servizio ausiliario idoneo a garantire i servizi minimi essenziali.


          ELICOTTERI

          I piloti dipendenti da imprese elicotteristiche, con particolare riferimento al servizio svolto a tutela della vita e della salute: elisoccorso, eliambulanze, soccorso in mare e in montagna, servizio antincendio.


          METALMECCANICI

          Personale impiegato in attività svolte da aziende metalmeccaniche dirette alla tutela di beni primari quali la salute, la sicurezza, le comunicazioni.

          Pertanto, sono coinvolte le imprese che esercitano la conduzione di:

          * • impianti di climatizzazione e del calore in edifici pubblici (scuole, ospedali, cliniche, palazzi di giustizia. ecc.);
          * • impianti di distribuzione fluidi ad uso alimentare;
          * • reti ed apparati di telecomunicazione e trasmissione voce/dati nonché centrali di controllo e gestione degli stessi nel caso essi siano indispensabili per la libertà individuale di comunicazione, alla salute ed alla sicurezza;
          * • impianti ed apparecchiature per la navigazione aerea, marittima e terrestre;
          * • apparecchiature e forniture di energia elettrica;
          * • linee, condotte e forniture di gas, acqua;
          * • depurazione e smaltimento rifiuti tossici (per le aziende autorizzate), urbani, speciali e nocivi;
          * • apparecchiature ed impianti di segnaletiche stradali: semafori, rilevazioni gas di scarico, barriere di protezione;
          * • impianti di sicurezza, antincendio e di allarme.


          ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA

          Le guardie particolari previste negli artt. 133 e ss. del RD 18 giugno 1931 n. 773 e ulteriormente regolate dal decreto legge 27 luglio 2005 n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2005, n. 155, svolgenti attività concernenti la tutela della vita, della salute, della libertà e della sicurezza della persona, dell'ambiente e del patrimonio storico artistico e, comunque, ove fornite a soggetti erogatori di servizi pubblici essenziali salvo espressa previsione nella relativa disciplina.


          TRASPORTO AEREO

          Personale impiegato nei seguenti servizi funzionalmente connessi alle attività di aviazione civile e di navigazione aerea:

          * - Servizio di trasporto passeggeri
          o (Piloti, Assistenti di volo, Tecnici di volo, Personale di terra, Personale tecnico addetto alle manutenzioni dipendenti dai Vettori aerei). Per quanto riguarda il trasporto di merci, animali vivi, medicinali, è mantenuto in vigore il punto A, n. 4 dell’accordo Alitalia, Intersind, Assaeroporti del 22 luglio 1994, valutato idoneo dalla Commissione con delibera 16 febbraio 1995 (“è assicurato sia mediante i voli ricompresi nelle prestazioni indispensabili sia mediante voli cargo, il trasporto di merci deperibili, animali vivi, medicinali nonché generi qualificati di volta in volta dalle competenti autorità come di prima necessità e come merci necessarie per il rifornimento delle popolazioni e per la continuità delle attività produttive nei servizi pubblici essenziali limitatamente alle relative prestazioni indispensabili”).
          o - Servizio di Assistenza al volo
          + - - Servizi strumentali alla navigazione aerea (conduzione dei sistemi di assistenza al volo;
          + meteorologia aeroportuale; servizio informazioni aeronautiche)
          + - - Servizi professionali di supporto tecnico-legale e amministrativo alla navigazione aerea
          o - Servizi aeroportuali:
          + --A. Servizi relativi al flusso (arrivi e partenze) degli aeromobili; servizi relativi al flusso di passeggeri e bagagli. Devono essere ricompresi le direzioni aeroportuali, i servizi doganali, il servizio di controllo radiogeno dei bagagli in stia e il servizio lost and found.
          + --B. Servizi di sicurezza aeroportuale (antincendi aeroportuale; servizi medici e veterinari; controllo degli accessi al varco).
          + --C. Servizi aeroportuali accessori (pulizie aerostazioni e toilettes; bar e ristoranti).


          TRASPORTO FERROVIARIO

          Tutto il personale dipendente dalle società del Gruppo Ferrovie dello Stato; più in particolare, il personale addetto alla circolazione dei treni e delle Navi Traghetto ed il personale addetto ai servizi del settore trasporto ferroviario collegati da un nesso di strumentalità tecnica od organizzativa con la circolazione dei treni [in particolare: servizi di manutenzione (sicurezza, la funzionalità ed il ripristino, in caso di guasti, delle linee e degli impianti e dei rotabili in genere), assistenza, informazione (biglietterie)].

          Alcune delle disposizioni della disciplina del trasporto ferroviario si applicano al trasporto Cargo (trasporto merci del Gruppo Ferrovie dello Stato).


          APPALTI E ATTIVITA’ DI SUPPORTO FERROVIARIO:

          Personale necessario per garantire le seguenti prestazioni indispensabili:

          * A. Pulizia vetture ferroviarie e prestazioni connesse
          o - Rifornitura acqua, rifornitura accessori igienici e pulizia delle ritirate tra cui vuotatura dei reflui dai serbatoi delle ritirate chimiche con sistema a ciclo chiuso secondo la normale cadenza (il 50% dei servizi effettivamente utilizzabili con priorità ai servizi per disabili);
          o - Raccolta oggetti pericolosi (come ad esempio bottiglie di vetro), ed eliminazione condizioni di scivolamento;
          o - Pulizia grossolana (bottiglie di plastica, lattine, giornali e riviste) negli scioperi di 24 ore;
          o - Raccolta siringhe;
          o - Deposito delle immondizie raccolte nei luoghi previsti all’interno degli impianti ferroviari;
          o - Pulizia vetri frontali dei locomotori in servizio ed eventuali interventi su chiamata per i treni in transito;
          o - Aggancio e sgancio mantici di intercomunicazione;
          o - Sostituzione batterie delle vetture in servizio.
          * B. Impianti e locali
          o - Rimozione materiali e liquidi che possano limitare la sicurezza dei viaggiatori;
          o - Servizi igienici aperti al pubblico (negli impianti ove esistano più servizi igienici, quelli da garantire saranno individuati su indicazione del titolare della stazione). Nei servizi individuati la pulizia dovrà essere effettuata con la normale cadenza;
          o - Pulizia locali adibiti a pronto soccorso ed infermerie;
          * C. Custodia passaggi a livello.


          TRASPORTO MARITTIMO

          Personale necessario per garantire il trasporto dei passeggeri nei collegamenti da e per le isole. Personale necessario per garantire il trasporto di carri e gommato con animali vivi e/o merci deperibili e/o merci pericolose e/o sostanze nocive o tossiche.


          TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

          Il personale viaggiante impiegato nei seguenti pubblici servizi di trasporto:

          * - autofiloferrotranvie;
          * - navigazione interna lagunare;
          * - navigazione interna lacuale;
          * - funivie portuali;
          * - funicolari terrestri ed aeree assimilate per atto di concessione alle ferrovie;

          Il personale impiegato nei servizi della mobilità e nei servizi accessori strumentali, ausiliari, comunque gestiti, qualora necessari all’esercizio di servizio di trasporto pubblico (addetti alle attività di verifica e di vendita dei titoli di viaggio – ausiliari del traffico – addetti alla pulizia, manutenzione e/o movimentazione delle vetture).


          TAXI

          Gli operatori del servizio taxi.
          (...)

          -
          ------

          Comment


          • #6
            Codici di esenzione e relativi codici nosografici proposti per le categorie di rischio per la vaccinazione anti-h1n1 2009

            Da Epi-Centro http://www.epicentro.iss.it/focus/h1n1/22-10-2009.asp

            Documento Originale (XLS): http://www.epicentro.iss.it/focus/h1...e_proposta.xls

            In allegato il PDF.
            Attached Files

            Comment


            • #7
              Re: Vaccino monovalente h1n1 2009: Scheda tecnica, focetria (emea)

              [Traduzione Google]

              Influenza A. Svizzera dubbi sul vaccino
              31 ottobre 2009 - 1 commento (s)

              La Svizzera ha applicato restrizioni all'uso del vaccino contro l'H1N1 dell'influenza Pandemrix da GlaxoSmithKline (GSK) per le donne incinte, bambini sotto i 18 anni e adulti oltre i 60 anni. L'autorità del farmaco regolamento svizzero Swissmedic, ha infatti sollevato dubbi circa l'adiuvante AS03 utilizzato nel vaccino. "Siamo impegnati a proseguire gli studi clinici di fornire agli organi di regolamentazione, i governi e al pubblico informazioni dettagliate sui rischi / benefici del vaccino contro il virus H1N1", ha detto un portavoce di GSK. Inoltre, Swissmedic ha approvato il vaccino Focetria la svizzera Novartis, che contiene "l'adiuvante MF59, a lungo utilizzato nei vaccini contro l'influenza stagionale" per adulti e bambini sopra i sei anni. Ma "in termini di gravidanza e durante l'allattamento, l'Autorità ritiene che sia il medico" misurare i benefici ei danni potenziali. "

              ---------------------------------------------------------------------

              Grippe A. La Suisse émet des doutes sur un vaccin
              31 octobre 2009 - 1 réaction(s)

              La Suisse a mis en place des restrictions à l'utilisation du vaccin Pandemrix contre la grippe H1N1 du laboratoire GlaxoSmithKline (GSK), pour les femmes enceintes, les enfants de moins de 18ans et les adultes de plus de 60 ans. L'autorité de régulation des médicaments suisse, Swissmedic, a en effet émis des doutes quant à l'adjuvant AS03 utilisé dans ce vaccin. «Nous sommes déterminés à poursuivre des essais cliniques pour fournir aux organes de régulation, aux gouvernements et au public des informations détaillées sur le rapport risques-bénéfices du vaccin contre le virus H1N1», a répondu un porte-parole de GSK. Par ailleurs, Swissmedic a autorisé le vaccin Focetria du suisse Novartis contenant «l'adjuvant MF59, utilisé de longue date dans les vaccins contre la grippe saisonnière» pour les adultes et les enfants à partir de six ans. Mais «pour ce qui est des femmes enceintes et de celles qui allaitent», l'autorité estime que c'est au médecin traitant «de mesure les avantages et les inconvénients possibles».

              Comment


              • #8
                Re: H1N1v - ITALIA: VACCINAZIONI, Notizie, aggiornamenti

                Influenza A, ora l'Europa si disfa dei vaccini

                Le grandi quantità acquistate risultano superiori a quella che è stata finora l’adesione della popolazione alle campagne di vaccinazione proposte. Il ministero: «L’Italia per ora non li vende» Volontè (Udc): inchiesta parlamentare sulla gestione della pandemia.
                -
                [NdM.: Se non ci fossero grandi interessi economico-finanziari ci sarebbe da ridere di questa corsa alla svendita di vaccini. I governi - temendo l'effetto panico, da loro stessi alimentato nel corso degli anni per scopi di controllo sociale - hanno foraggiato le case farmaceutiche con ingenti fondi per l'acquisto di farmaci - invece che di pretenderne la produzione in situazione di emergenza, confiscandoli se necessario; ora si trovano con stock immensi di dosi a breve scadenza e con il fiato sul collo di chi chiede - per ragioni non del tutto trasparenti - il conto delle operazioni. La pandemia è in atto, in alcune aree dell'est Europa la malattia sta causando una crescente pressione sulle strutture sanitarie, con un nuovo incremento dei ricoveri in ospedale e decessi. Il Ucraina si è ormai superata quota 800. Se i vaccini sono eccedenti in alcuni paesi occidentali, perchè non li inviano come donazione di emergenza ad est? Oppure al sud-est asiatico? Chi parla di ''fanfara pandemica'' si sbaglia e di grosso: il virus H1N1 2009 sta circolando da meno di un anno e al momento non ha ancora acquisito tutti quegli aspetti, quella ''configurazione'' che normalmente si osserva nei ceppi stagionali. E' saggio mantenere una bassissima copertura vaccinale nella popolazione pediatrica? E' opportuno lasciare discutere di questi argomenti a politici inetti e ignoranti? E' persino paradossale sentire parlare esponenti governativi di cattiva gestione della crisi... Una cosa è sicura: il virus H1N1 2009 non sparirà soltanto parlandoci addosso, nè i vaccini contenenti antigeni da esso derivanti che saranno riproposti anche nei mesi a venire, soprattutto perchè i ceppi umani stagionali ''tradizionali'' (H1, H3) sono pressochè scomparsi dalla circolazione. I medici che si sono detti contrari al vaccino H1N1 2009 dovranno dirsi contrari anche al prossimo preparato ''stagionale'' che conterrà ancora l'H1N1 2009 nelle sue versioni ''aggiornate''.]
                -

                View Original Article

                Comment


                • #9
                  Influenza A/H1N1 - Il punto della situazione alla settimana 3 (18-24 gennaio 2010) (Min. Salute, editato) - CASI: ILI (Cum.) 4,239,000, in ospedale 1,038, in ICU 448, Deceduti (Cum.) 228

                  Influenza A/H1N1 - Il punto della situazione alla settimana 3 (18-24 gennaio 2010) (Min. Salute, editato)

                  [Documento RTF Originale: LINK. EDITATO.]

                  Comunicato n. 22 - 28 gennaio 2010 - Ministero della Salute - UFFICIO STAMPA

                  Influenza A/H1N1 - Il punto della situazione alla settimana 3 (18-24 gennaio 2010)


                  Aggiornamenti

                  - I nuovi casi stimati delle sindromi influenzali nella 3° settimana (18-24 gennaio 2010) sono 96.000, per un totale di 4.276.000 casi a partire dal 19 ottobre quando è iniziata la sorveglianza Influnet della corrente stagione.
                  - È stabile sia il numero di accessi al pronto soccorso che il numero dei ricoveri per sindrome respiratoria acuta, per tutte le fasce d’età.
                  - Casi che hanno necessitato di assistenza respiratoria al 24 gennaio 2010: 448
                  - Percentuale dei casi che necessitano di assistenza respiratoria in rapporto al totale dei malati: 0,010
                  - Nella 3° settimana del 2010 (18-24 gennaio 2010) sono state somministrate 3.054 prime dosi e 2.448 seconde dosi. Dall’inizio della campagna vaccinale, complessivamente sono state somministrate 846.356 prime dosi e 43.977 seconde dosi. I dati relativi al numero di dosi di vaccino somministrati durante la 3° settimana (18-24 gennaio 2010) sono stati segnalati da 12 Regioni e Province autonome
                  - In totale 10.047.421 le dosi di vaccino distribuite
                  - Totale di casi stimati di influenza dall’inizio della pandemia al 24 gennaio 2010: 4.293.000
                  - Totale di vittime correlate alla nuova influenza A/H1N1 al 24 gennaio 2010: 228
                  - Percentuale di vittime in rapporto al totale dei malati di nuova influenza A: 0,005 per cento


                  Sorveglianza dell’epidemia

                  Casi e incidenza

                  I nuovi casi stimati delle sindromi influenzali nella 3° settimana (18-24 gennaio 2010) sono 96.000, per un totale di 4.276.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza Influnet (43° settimana: 19-25 ottobre). Per un conteggio totale dallo scorso mese di Maggio, a questi vanno aggiunti i circa 17.000 casi registrati precedentemente da altri sistemi di sorveglianza per un totale di 4.293.000 casi.

                  Il valore dell’incidenza totale delle sindromi influenzali è pari a 1,61 casi per mille assistiti, simile rispetto al valore osservato nella settimana precedente (1,37 casi per mille assistiti).

                  La fascia di età più colpita è sempre quella pediatrica (0-14 anni), con un’incidenza pari a 3,23 casi per mille assistiti (4,76 per mille nella fascia dei bambini più piccoli di 0-4 anni e 2,46 per mille nella fascia 5-14 anni). Si osserva un lieve aumento dell’incidenza nelle fasce di età pediatrica (soprattutto nei bambini di 0-4) mentre tra i giovani/adulti (15-64 anni) e negli ultrasessantaquattrenni l’incidenza rimane pressoché stabile.


                  Casi che necessitano di assistenza respiratoria

                  Le Regioni hanno segnalato fino ad oggi al Ministero 1038 ricoveri in ospedale per casi severi di influenza, di cui 448 hanno richiesto assistenza respiratoria: una quota pari allo 0,010 per cento del totale stimato delle persone che hanno contratto la nuova influenza A.

                  I dati possono risentire di continui aggiornamenti a seconda della disponibilità della conferma di laboratorio dei casi gravi segnalati, pertanto sono passibili di modifiche da una settimana all'altra.


                  Vittime correlate all’influenza A

                  La percentuale delle vittime correlate all’influenza A è stata aggiornata rispetto al numero totale di casi stimati da Influnet ed è pari a 0,005 per cento dei malati. Va considerato che essendo la percentuale delle vittime calcolata considerando i casi clinici segnalati al sistema di sorveglianza, poiché questi sono molto probabilmente sottostimati, il valore potrebbe essere addirittura inferiore alla stima sopra riportata.

                  Alla settimana 3 il dato complessivo dei decessi è 228. Tale numero comprende i casi per i quali le autorità sanitarie regionali hanno confermato l’accertamento dell’infezione da nuovo virus A/H1N1.


                  Situazione in Italia

                  Totale vittime 228

                  -- Regione
                  - Abruzzo 3
                  - Basilicata 3
                  - Calabria 15
                  - Campania 53
                  - Emilia Romagna 13
                  - Friuli Venezia Giulia 5
                  - Lazio 14
                  - Liguria 3
                  - Lombardia 13
                  - Marche 4
                  - Molise 4
                  - Piemonte 21
                  - Puglia 35
                  - Sicilia 21
                  - Toscana 5
                  - Umbria 3
                  - Veneto 11
                  - P.A. Bolzano 1
                  - P.A. Trento 1


                  Situazione europea (fonte ECDC)

                  Dal 19 gennaio 2010 l’ECDC ha ridotto le attività connesse alla sorveglianza della pandemia influenzale; i dati sui decessi vengono ora trasmessi settimanalmente ogni venerdì.

                  Inoltre è stato fatto un cambiamento nella modalità di rilevazione dei decessi stessi: questi non sono più contati dall’inizio della pandemia ma dal convenzionale inizio della stagione influenzale. Ciò rende i dati non paragonabili con quelli precedentemente forniti.

                  Per poter effettuare una analisi organica delle differenze dei dati e nell’attesa di un confronto con i tecnici dell’ECDC, si sospende per questa settimana l’aggiornamento dei decessi nel Mondo.


                  Accessi al pronto soccorso

                  La rete sentinella di strutture di pronto soccorso ha segnalato che dall 3° settimana 8-24 gennaio 2010) è rimasto praticamente invariato il numero delle persone che si sono rivolte ai pronto soccorso per sindrome respiratoria acut (5,8% rispetto l 5,3% della 2° settimana). Di questi, il 25,2% è stato ricoverato.

                  È stabile sia il numero di accessi al pronto soccorso sia quello dei ricoveri per sindrome respiratoria acuta, per tutte le fasce d’età. Nessuno dei valori osservati supera comunque le due soglie di allerta calcolate con il modello. L’analisi dei dati nazionali si basa sulle informazioni provenienti da 53 dei 59 pronto soccorso che hanno aderito alla sorveglianza. Pur risentendo delle diverse modalità di accesso al pronto soccorso, il sistema consente di rilevare tempestivamente l’andamento degli accessi per sindrome respiratoria, indicatore indiretto di una maggiore attività dei virus influenzali.


                  Vaccinazione della popolazione

                  I dati relativi al numero di dosi di vaccino somministrati durante la 3° settimana (18-24 gennaio 2010) sono stati segnalati da 12 Regioni e Province autonome. Nella 3° settimana del 2010 sono state somministrate 3.054 prime dosi e 2.448 seconde dosi. Dall’inizio della campagna vaccinale, complessivamente sono state somministrate 846.356 prime dosi e 43.977 seconde dosi.

                  Gli operatori sanitari e sociosanitari che si sono vaccinati sono 160.737, pari al 15% del totale.

                  Alle donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza sono state somministrate 22.678 dosi (pari al 12% del totale), alle persone di età compresa tra 6 mesi e 65 anni con condizioni di rischio sono state somministrate 530.852 dosi (12%) mentre ai bambini nati pretermine 1.552 dosi (7,5%).

                  Alcune Regioni hanno iniziato a vaccinare bambini e giovani adulti tra 6 mesi e 17 anni senza condizioni di rischio (18.572 dosi). I giovani tra 18 e 27 anni senza condizioni di rischio (5.894 dosi), e i portatori di almeno una delle condizioni di rischio di età superiore ai 65 anni (12.069 dosi).


                  Distribuzione vaccini

                  Si è conclusa il 22 dicembre l’ottava distribuzione alle Regioni e Province Autonome di vaccini pandemici. Le dosi consegnate alle Regioni e Province Autonome a partire dal 12 ottobre sono 10.047.421.


                  Azioni di governo

                  Il Punto

                  L’Organizzazione mondiale della sanità l’11 giugno 2009 ha dichiarato lo stato di pandemia influenzale con il passaggio alla fase di massima allerta.

                  L’infezione è causata da un nuovo virus influenzale A/H1N1 che si è diffuso da marzo 2009 a partire dal Messico in tutto il mondo.

                  Il Governo ha immediatamente assunto tutte le misure per fronteggiare la diffusione della nuova influenza A e tutelare la salute dei cittadini.

                  Il Ministero ha istituito il 24 aprile un’apposita Unità di Crisi presieduta dal Viceministro Ferruccio Fazio. Ecco le principali azioni:


                  Controlli e contenimento fase iniziale

                  Nella prima fase della diffusione della malattia sono state applicate tutte le misure di controllo e contenimento dell’infezione atte a limitare il diffondersi del virus. Ciò ha evitato nel nostro Paese una prima ondata epidemica prima dell’estate 2009 che invece si è verificata in altri Paesi europei. Tra le misure di prevenzione più efficaci si ricorda la pronta identificazione dei casi nei viaggiatori provenienti da zone affette, la profilassi dei loro contatti stretti, la promozione delle regole di igiene e protezione individuali come il lavaggio delle mani.


                  Vaccinazione della popolazione

                  Il Governo ha predisposto una strategia vaccinale per fronteggiare l’ondata epidemica di nuova influenza A (H1N1) in atto nella stagione influenzale 2009-2010 ed eradicare l’epidemia da nuovo virus A(H1N1) nel nostro Paese. E’ prevista a vaccinazione del 40% della popolazione italiana a partire dai lavoratori dei servizi essenziali, come il personale sanitario, e delle categorie a rischio di complicanze (bambini e adulti con malattie croniche nella fascia di età dai 6 mesi ai 64 anni, donne in gravidanza nel secondo e terzo trimestre). E’ attivo il monitoraggio della campagna vaccinale.


                  Scorte farmaci antivirali

                  Il Ministero dispone di quaranta milioni di dosi di farmaci antivirali, tre dei quali sotto forma di principio attivo in polvere che, mano a mano che sono progressivamente incapsulate dall’Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, sono distribuite alle Regioni. Il Ministero ha inoltre emanato raccomandazioni puntuali per l’uso corretto degli antivirali.


                  Gestione casi gravi

                  Il Ministero ha fornito un primo orientamento agli operatori nella gestione delle forme gravi e complicate di influenza da nuovo virus A(H1N1) e promosso presso le Regioni e Province autonome l’identificazione dei centri a cui far afferire i pazienti colpiti da insufficienza respiratoria acuta. Vengono inoltre definiti i criteri per la gestione dei pazienti, in particolare riguardo l’accesso alla terapia intensiva e il successivo percorso all'interno dei centri di terapia intensiva che compongono le reti regionali.


                  Sorveglianza dell’epidemia

                  A partire dal 19 ottobre 2009, la sorveglianza dell’influenza è basata sul sistema Influnet, che raccoglie i casi della rete dei medici sentinella registrati tra i propri assistiti nonché i dati sui virus circolanti dalla rete dei laboratori accreditati. L’Iss effettua inoltre conferme a campione dei casi clinici e l’approfondimento virologico delle forme gravi per monitorare l’insorgere di possibili resistenze ai farmaci antivirali e registrare eventuali mutazioni del virus pandemico.

                  Il Ministero effettua inoltre il monitoraggio dei casi ospedalizzati, delle forme gravi e dei decessi.


                  Sorveglianza sentinella degli accessi ai Pronto Soccorso

                  Il Ministero e l’Istituto superiore di sanità hanno avviato in collaborazione con le Regioni una specifica sorveglianza degli accessi ai Pronto Soccorso. I dati saranno trasmessi su base settimanale.


                  Farmacovigilanza

                  Nell’ambito degli interventi coordinati dall'Unità di crisi, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha predisposto un Piano Nazionale di Farmacovigilanza per il monitoraggio della sicurezza dei vaccini pandemici e degli antivirali. Il sistema è attivo dal mese di ottobre.


                  Aggiornamenti Epidemiologici Internazionali

                  L'Organizzazione mondiale della Sanità il 20 novembre ha reso noto che in Norvegia è stata riscontrata una mutazione in alcuni campioni del virus della nuova influenza da virus AH1N1 isolati in tre pazienti, dei quali due deceduti. La mutazione è carico della emoagglutinina (proteina virale di superficie) del virus della nuova influenza A/H1N1, e provoca la sostituzione di un unico aminoacido (una glicina al posto di un acido aspartico). La stessa mutazione è stata osservata in casi sporadici, a partire dallo scorso Aprile, in diversi paesi del mondo sia in pazienti con polmoniti gravi che in pazienti con decorso benigno della malattia. A seguito di tali segnalazioni, l’Istituto Superiore di Sanità ha rivalutato le sequenze di oltre 100 ceppi virali identificati da altrettanti pazienti diagnosticati negli ultimi mesi in diverse regioni italiane. La mutazione è stata rinvenuta sino ad ora in un solo paziente, affetto da una grave forma di polmonite risolta a seguito di trattamento con ECMO eseguito in terapia intensiva. Nessuno degli altri pazienti esaminati, inclusi quelli con manifestazioni gravi o letali, presentava detta mutazione. I dati italiani confermerebbero quindi che la mutazione in oggetto non appare per ora predominante nei casi gravi o letali di nuova influenza; inoltre, la stessa mutazione ha un carattere sporadico e non sembra allo stato attuale in fase di diffusione.


                  Distribuzione farmaci antivirali

                  E’ stata diffusa il 20 novembre alle Regioni e Province Autonome la circolare ministeriale “Distribuzione farmaci antivirali per l'assistenza territoriale”, che ribadisce le indicazioni per la somministrazione di farmaci antivirali e le modalità di distribuzione sul territorio da parte delle competenti aziende locali.


                  Sorveglianza delle ospedalizzazioni

                  E’ stata diffusa il 20 novembre 2009 alle Regioni e Province Autonome la circolare ministeriale “Sorveglianza delle ospedalizzazioni, delle forme gravi e complicate e dei decessi della Nuova Influenza da virus influenzale A(H1N1) e rilevazione della copertura vaccinale per il vaccino pandemico”, che aggiorna le schede di segnalazione e le modalità per la loro trasmissione.


                  Per saperne di più

                  Tutte le informazioni sull’azione di governo, le domande e le risposte più frequenti, le norme e i documenti utili per gli operatori su www.ministerosalute.it, giochi e test interattivi per conoscere e combattere meglio il virus A/H1N1al sito www.fermailvirus.it.

                  Informazioni anche via telefono chiamando il Call center 1500 del Ministero, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle 18.00.
                  -
                  ------

                  Comment


                  • #10
                    Italia. Influenza A/H1N1 - Comunicato n. 27 - 4 febbraio 2010 (Min. Salute, editato) - CASI: ILI (Cum.) 4.408.000, in ospedale 1.041, in ICU 443, Decessi (cum.) 229.

                    Italia. Influenza A/H1N1 - Comunicato n. 27 - 4 febbraio 2010 (Min. Salute, editato)

                    [Documento RTF Completo Originale: LINK. EDITATO.]

                    Comunicato n. 27 - 4 febbraio 2010 - Ministero della Salute - UFFICIO STAMPA

                    Influenza A/H1N1 - Comunicato n. 27 - 4 febbraio 2010


                    Influenza A/H1N1 - Il punto della situazione alla settimana 4 (25-31 gennaio 2010)


                    Aggiornamenti

                    - I nuovi casi stimati delle sindromi influenzali nella 4° settimana (25-31 gennaio 2010) sono 111.000, per un totale di 4.391.000 casi a partire dal 19 ottobre quando è iniziata la sorveglianza Influnet della corrente stagione.
                    - È stabile sia il numero di accessi al pronto soccorso che il numero dei ricoveri per sindrome respiratoria acuta, per tutte le fasce d’età.
                    - Casi che hanno necessitato di assistenza respiratoria al 31 gennaio 2010: 443
                    - Percentuale dei casi che necessitano di assistenza respiratoria in rapporto al totale dei malati: 0,010
                    - Nella 4° settimana del 2010 (25-31 gennaio 2010) sono state somministrate 2.468 prime dosi e 1.181 seconde dosi. Dall’inizio della campagna vaccinale, complessivamente sono state somministrate 851.549 prime dosi e 47.013 seconde dosi. I dati relativi al numero di dosi di vaccino somministrati durante la 4° settimana (25-31 gennaio 2010) sono stati segnalati da 13 Regioni e Province autonome
                    - In totale 10.047.421 le dosi di vaccino distribuite
                    - Totale di casi stimati di influenza dall’inizio della pandemia al 31 gennaio 2010: 4.408.000
                    - Totale di vittime correlate alla nuova influenza A/H1N1 al 31 gennaio 2010: 229
                    - Percentuale di vittime in rapporto al totale dei malati di nuova influenza A: 0,005 per cento


                    Sorveglianza dell’epidemia

                    Casi e incidenza

                    I nuovi casi stimati delle sindromi influenzali nella 4° settimana (25-31 gennaio 2010) sono 111.000, per un totale di 4.391.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza Influnet (43° settimana: 19-25 ottobre). Per un conteggio totale dallo scorso mese di Maggio, a questi vanno aggiunti i circa 17.000 casi registrati precedentemente da altri sistemi di sorveglianza per un totale di 4.408.000 casi.

                    Il valore dell’incidenza totale delle sindromi influenzali è pari a 1,84 casi per mille assistiti, simile rispetto al valore osservato nella settimana precedente (1,61 casi per mille assistiti).

                    La fascia di età più colpita è sempre quella pediatrica (0-14 anni), con un’incidenza pari a 3,73 casi per mille assistiti (5,71 per mille nella fascia dei bambini più piccoli di 0-4 anni e 2,71 per mille nella fascia 5-14 anni). Si osserva un lieve aumento dell’incidenza nelle fasce di età pediatrica (soprattutto nei bambini di 0-4) mentre tra i giovani/adulti (15-64 anni) e negli ultrasessantaquattrenni l’incidenza rimane pressoché stabile.


                    Casi che necessitano di assistenza respiratoria

                    Le Regioni hanno segnalato fino ad oggi al Ministero 1041 ricoveri in ospedale per casi severi di influenza, di cui 443 hanno richiesto assistenza respiratoria: una quota pari allo 0,010 per cento del totale stimato delle persone che hanno contratto la nuova influenza A.

                    I dati possono risentire di continui aggiornamenti a seconda della disponibilità della conferma di laboratorio dei casi gravi segnalati, pertanto sono passibili di modifiche da una settimana all'altra.


                    Vittime correlate all’influenza A

                    La percentuale delle vittime correlate all’influenza A è stata aggiornata rispetto al numero totale di casi stimati da Influnet ed è pari a 0,005 per cento dei malati. Va considerato che essendo la percentuale delle vittime calcolata considerando i casi clinici segnalati al sistema di sorveglianza, poiché questi sono molto probabilmente sottostimati, il valore potrebbe essere addirittura inferiore alla stima sopra riportata.

                    Alla settimana 4 il dato complessivo dei decessi è 229. Tale numero comprende i casi per i quali le autorità sanitarie regionali hanno confermato l’accertamento dell’infezione da nuovo virus A/H1N1.


                    Situazione in Italia

                    Totale vittime 229

                    -- Regione
                    - Abruzzo 3
                    - Basilicata 4
                    - Calabria 15
                    - Campania 52
                    - Emilia Romagna 12
                    - Friuli Venezia Giulia 5
                    - Lazio 14
                    - Liguria 3
                    - Lombardia 13
                    - Marche 4
                    - Molise 4
                    - Piemonte 22
                    - Puglia 35
                    - Sicilia 21
                    - Toscana 6
                    - Umbria 3
                    - Veneto 11
                    - P.A. Bolzano 1
                    - P.A. Trento 1


                    Situazione europea (fonte ECDC)

                    Dal 19 gennaio 2010 l’ECDC ha ridotto le attività connesse alla sorveglianza della pandemia influenzale; i dati sui decessi vengono ora trasmessi settimanalmente ogni venerdì.

                    Inoltre è stato fatto un cambiamento nella modalità di rilevazione dei decessi stessi: questi non sono più contati dall’inizio della pandemia ma dal convenzionale inizio della stagione influenzale. Ciò rende i dati non paragonabili con quelli precedentemente forniti.

                    Per poter effettuare una analisi organica delle differenze dei dati e nell’attesa di un confronto con i tecnici dell’ECDC, si sospende per questa settimana l’aggiornamento dei decessi
                    nel Mondo.


                    Accessi al pronto soccorso

                    La rete sentinella di strutture di pronto-soccorso ha segnalato che nella 4° settimana (25-31 gennaio 2010) è rimasto praticamente invariato il numero delle persone che si sono rivolte ai pronto soccorso per sindrome respiratoria acuta (6,1% rispetto al 5,8% della 3° settimana). Di questi, il 25,1% è stato ricoverato. È stabile sia il numero di accessi al pronto soccorso sia quello dei ricoveri per sindrome respiratoria acuta, per tutte le fasce d’età. Nessuno dei valori osservati supera comunque le due soglie di allerta calcolate con il modello. L’analisi dei dati nazionali si basa sulle informazioni provenienti da 53 dei 59 pronto soccorso che hanno aderito alla sorveglianza. Pur risentendo delle diverse modalità di accesso al pronto soccorso, il sistema consente di rilevare tempestivamente l’andamento degli accessi per sindrome respiratoria, indicatore indiretto di una maggiore attività dei virus influenzali.


                    Vaccinazione della popolazione

                    I dati relativi al numero di dosi di vaccino somministrati durante la 4° settimana (25-31 gennaio 2010) sono stati segnalati da 13 Regioni e Province autonome. Nella 4° settimana del 2010 sono state somministrate 2.468 prime dosi e 1.181 seconde dosi.

                    Dall’inizio della campagna vaccinale, complessivamente sono state somministrate 851.549 prime dosi e 47.013 seconde dosi.

                    Gli operatori sanitari e sociosanitari che si sono vaccinati sono 160.913, pari al 15% del totale.

                    Alle donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza sono state somministrate 22.749 dosi (pari al 12% del totale), alle persone di età compresa tra 6 mesi e 65 anni con condizioni di rischio sono state somministrate 533.763 dosi (12%) mentre ai bambini nati pretermine 1.560 dosi (7,5%).

                    Le Regioni hanno iniziato a vaccinare bambini e giovani adulti tra 6 mesi e 17 anni senza condizioni di rischio (19.023 dosi). I giovani tra 18 e 27 anni senza condizioni di rischio (5.684 dosi), e i portatori di almeno una delle condizioni di rischio di età superiore ai 65 anni (12.333 dosi).


                    Distribuzione vaccini

                    Si è conclusa il 22 dicembre l’ottava distribuzione alle Regioni e Province Autonome di vaccini pandemici. Le dosi consegnate alle Regioni e Province Autonome a partire dal 12 ottobre sono 10.047.421.


                    Azioni di governo

                    Il Punto

                    L’Organizzazione mondiale della sanità l’11 giugno 2009 ha dichiarato lo stato di pandemia influenzale con il passaggio alla fase di massima allerta.

                    L’infezione è causata da un nuovo virus influenzale A/H1N1 che si è diffuso da marzo 2009 a partire dal Messico in tutto il mondo.

                    Il Governo ha immediatamente assunto tutte le misure per fronteggiare la diffusione della nuova influenza A e tutelare la salute dei cittadini.

                    Il Ministero ha istituito il 24 aprile un’apposita Unità di Crisi presieduta dal Viceministro Ferruccio Fazio. Ecco le principali azioni:


                    Controlli e contenimento fase iniziale

                    Nella prima fase della diffusione della malattia sono state applicate tutte le misure di controllo e contenimento dell’infezione atte a limitare il diffondersi del virus. Ciò ha evitato nel nostro Paese una prima ondata epidemica prima dell’estate 2009 che invece si è verificata in altri Paesi europei. Tra le misure di prevenzione più efficaci si ricorda la pronta identificazione dei casi nei viaggiatori provenienti da zone affette, la profilassi dei loro contatti stretti, la promozione delle regole di igiene e protezione individuali come il lavaggio delle mani.


                    Vaccinazione della popolazione

                    Il Governo ha predisposto una strategia vaccinale per fronteggiare l’ondata epidemica di nuova influenza A (H1N1) in atto nella stagione influenzale 2009-2010 ed eradicare l’epidemia da nuovo virus A(H1N1) nel nostro Paese. E’ prevista a vaccinazione del 40% della popolazione italiana a partire dai lavoratori dei servizi essenziali, come il personale sanitario, e delle categorie a rischio di complicanze (bambini e adulti con malattie croniche nella fascia di età dai 6 mesi ai 64 anni, donne in gravidanza nel secondo e terzo trimestre). E’ attivo il monitoraggio della campagna vaccinale.


                    Scorte farmaci antivirali

                    Il Ministero dispone di quaranta milioni di dosi di farmaci antivirali, tre dei quali sotto forma di principio attivo in polvere che, mano a mano che sono progressivamente incapsulate dall’Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, sono distribuite alle Regioni. Il Ministero ha inoltre emanato raccomandazioni puntuali per l’uso corretto degli antivirali.


                    Gestione casi gravi

                    Il Ministero ha fornito un primo orientamento agli operatori nella gestione delle forme gravi e complicate di influenza da nuovo virus A(H1N1) e promosso presso le Regioni e Province autonome l’identificazione dei centri a cui far afferire i pazienti colpiti da insufficienza respiratoria acuta. Vengono inoltre definiti i criteri per la gestione dei pazienti, in particolare riguardo l’accesso alla terapia intensiva e il successivo percorso all'interno dei centri di terapia intensiva che compongono le reti regionali.


                    Sorveglianza dell’epidemia

                    A partire dal 19 ottobre 2009, la sorveglianza dell’influenza è basata sul sistema Influnet, che raccoglie i casi della rete dei medici sentinella registrati tra i propri assistiti nonché i dati sui virus circolanti dalla rete dei laboratori accreditati. L’Iss effettua inoltre conferme a campione dei casi clinici e l’approfondimento virologico delle forme gravi per monitorare l’insorgere di possibili resistenze ai farmaci antivirali e registrare eventuali mutazioni del virus pandemico.

                    Il Ministero effettua inoltre il monitoraggio dei casi ospedalizzati, delle forme gravi e dei decessi.


                    Sorveglianza sentinella degli accessi ai Pronto Soccorso

                    Il Ministero e l’Istituto superiore di sanità hanno avviato in collaborazione con le Regioni una specifica sorveglianza degli accessi ai Pronto Soccorso. I dati saranno trasmessi su base settimanale.


                    Farmacovigilanza

                    Nell’ambito degli interventi coordinati dall'Unità di crisi, l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha predisposto un Piano Nazionale di Farmacovigilanza per il monitoraggio della sicurezza dei vaccini pandemici e degli antivirali. Il sistema è attivo dal mese di ottobre.


                    Aggiornamenti Epidemiologici Internazionali

                    L'Organizzazione mondiale della Sanità il 20 novembre ha reso noto che in Norvegia è stata riscontrata una mutazione in alcuni campioni del virus della nuova influenza da virus AH1N1 isolati in tre pazienti, dei quali due deceduti. La mutazione è carico della emoagglutinina (proteina virale di superficie) del virus della nuova influenza A/H1N1, e provoca la sostituzione di un unico aminoacido (una glicina al posto di un acido aspartico). La stessa mutazione è stata osservata in casi sporadici, a partire dallo scorso Aprile, in diversi paesi del mondo sia in pazienti con polmoniti gravi che in pazienti con decorso benigno della malattia. A seguito di tali segnalazioni, l’Istituto Superiore di Sanità ha rivalutato le sequenze di oltre 100 ceppi virali identificati da altrettanti pazienti diagnosticati negli ultimi mesi in diverse regioni italiane. La mutazione è stata rinvenuta sino ad ora in un solo paziente, affetto da una grave forma di polmonite risolta a seguito di trattamento con ECMO eseguito in terapia intensiva. Nessuno degli altri pazienti esaminati, inclusi quelli con manifestazioni gravi o letali, presentava detta mutazione. I dati italiani confermerebbero quindi che la mutazione in oggetto non appare per ora predominante nei casi gravi o letali di nuova influenza; inoltre, la stessa mutazione ha un carattere sporadico e non sembra allo stato attuale in fase di diffusione.


                    Distribuzione farmaci antivirali

                    E’ stata diffusa il 20 novembre alle Regioni e Province Autonome la circolare ministeriale “Distribuzione farmaci antivirali per l'assistenza territoriale”, che ribadisce le indicazioni per la somministrazione di farmaci antivirali e le modalità di distribuzione sul territorio da parte delle competenti aziende locali.


                    Sorveglianza delle ospedalizzazioni

                    E’ stata diffusa il 20 novembre 2009 alle Regioni e Province Autonome la circolare ministeriale “Sorveglianza delle ospedalizzazioni, delle forme gravi e complicate e dei decessi della Nuova Influenza da virus influenzale A(H1N1) e rilevazione della copertura vaccinale per il vaccino pandemico”, che aggiorna le schede di segnalazione e le modalità per la loro trasmissione.


                    Per saperne di più

                    Tutte le informazioni sull’azione di governo, le domande e le risposte più frequenti, le norme e i documenti utili per gli operatori su www.ministerosalute.it, giochi e test interattivi per conoscere e combattere meglio il virus A/H1N1al sito www.fermailvirus.it.

                    -
                    ------

                    Comment


                    • #11
                      Influenza A: Fazio, campagna vaccinale sospesa

                      Roma, 25 feb. (Adnkronos Salute) - "In Italia la campagna vaccinale contro l'influenza A/H1N1 per la stagionale autunnale e invernale 2009-2010 è fondamentalmente sospesa". Lo ha annunciato il ministro della Salute Ferruccio Fazio, oggi a Roma a margine del convegno 'Figli di un male minore?' organizzato Annunci Google



                      "A questo punto - ha proseguito Fazio - stiamo procedendo con una ricognizione dei vaccini presenti nelle varie Regioni e ci appresteremo naturalmente alla campagna per il prossimo anno".

                      Quanto alla decisione dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) di non dichiarare terminata la fase di allerta pandemica, Fazio ribadisce: "ho fatto bene a essere prudente quando è stato detto che la pandemia stava finendo. Comunque è l'Oms che deve decidere".

                      http://www.adnkronos.com/IGN/Daily_L..._55604210.html

                      Comment


                      • #12
                        Re: Influenza A: Fazio, campagna vaccinale sospesa

                        quando mai è cominciata ?

                        Comment


                        • #13
                          Re: Influenza A: Fazio, campagna vaccinale sospesa

                          Sospesa? E per quale ragione? Con meno di un milione di dosi di vaccino somministrate?

                          La pandemia non solo non è terminata ma a quanto pare continua a estendersi in aree non precedente colpite, per esempio alcune zone dell'Africa.

                          Il totale fallimento della ''campagna vaccinale'' pandemica in Italia è talmente evidente che sarebbe indispensabile una valutazione dell'efficacia dell'azione informativa e di offerta da parte del Sistema Sanitario Nazionale, e dei costi aggiuntivi dovuti ai ricoveri in eccesso nei reparti di terapia intensiva.

                          Ovviamente, i dati relativi al numero di pazienti in assistenza respiratoria, e i decessi sono ''sepolti'' all'interno dei siti specialistici e non raggiungibili dalla maggioranza dei cittadini non usi allo strumento informatico.

                          Comment


                          • #14
                            Re: Influenza A: Fazio, campagna vaccinale sospesa

                            sottoscrivo pienamente

                            Comment


                            • #15
                              Italia, FluNews: Bollettino del 25 febbraio 2010: Numero Totale Decessi H1N1 2009: 235, tasso ILIx1000: 2,06

                              Italia. FluNews - AGGIORNAMENTO EPIDEMIOLOGICO SETTIMANALE - numero 17 • 15-21 febbraio 2010 - 7° settimana (EpiCentro, editato)

                              [Documento PDF Completo: LINK. EDITATO.]

                              FluNews - AGGIORNAMENTO EPIDEMIOLOGICO SETTIMANALE - numero 17 • 15-21 febbraio 2010 - 7° settimana


                              L’incidenza dell’epidemia influenzale: la sorveglianza Influnet

                              Il sistema di sorveglianza Influnet permette di stimare la settimana di inizio, la durata e l’intensità dell’epidemia influenzale
                              • i nuovi casi stimati delle sindromi influenzali nella 7° settimana (15-21 febbraio 2010) sono 124.000, per un totale di 4.763.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza Influnet (43° settimana: 19-25 ottobre)
                              • il valore dell’incidenza totale delle sindromi influenzali è pari a 2,06 casi per mille assistiti, simile a quello osservato nella settimana precedente (2,10 casi per mille assistiti)
                              • la fascia di età più colpita è sempre quella pediatrica (0-14 anni), con un’incidenza pari a 5,12 casi per mille assistiti (7,79 per mille nella fascia dei bambini più piccoli di 0-4 anni e 3,75 per mille nella fascia 5-14 anni). Si osserva un lieve aumento dell’incidenza nelle fasce di età pediatriche (soprattutto nei bambini di 0-4 anni), mentre tra giovani e adulti (15-64 anni) e negli ultrasessantaquattrenni l’incidenza rimane pressoché stabile.
                              • La curva epidemica ha raggiunto il picco nella 46° settimana, con un livello di incidenza pari a 12,91 casi per mille assistiti: un valore superiore a quello toccato nelle precedenti stagioni influenzali (tranne in quelle del 2002-2003 e 2004-2005, quando è stato osservato il livello maggiore di incidenza mai raggiunto negli ultimi dieci anni).



                              La campagna di vaccinazione per l’influenza pandemica

                              Questo sistema permette di avere informazioni tempestive e accurate sulla copertura vaccinale del vaccino pandemico e disporre del dato relativo al numero delle dosi somministrate
                              • nella 7° settimana del 2010 sono state somministrate 445 prime dosi e 334 seconde dosi. Dall’inizio della campagna vaccinale, complessivamente sono state somministrate 864.049 prime dosi e 50.884 seconde dosi.
                              • il personale sanitario e sociosanitario ha ricevuto 160.487 dosi, per una copertura del 15%
                              • alle donne nel secondo e terzo trimestre di gravidanza sono state somministrate 22.933 dosi (per una copertura del 12%), alle persone in età compresa tra 6 mesi e 65 anni con condizioni di rischio sono state somministrate 544.846 dosi (13%) e ai bambini nati pretermine 1.581 dosi (7,6%)
                              • le Regioni hanno iniziato a vaccinare i bambini e ragazzi tra 6 mesi e 17 anni senza condizioni di rischio (19.633 dosi), i giovani tra 18 e 27 anni senza condizioni di rischio (5.541 dosi) e i portatori di almeno una delle condizioni di rischio con più di 65 anni (13.026 dosi)
                              • la tabella che segue riporta i dati aggiornati al 21 febbraio 2010 (7° settimana). La copertura vaccinale totale è pari al 4,1%. Per le categorie a cui è stata data la precedenza nell’ordinanza del ministero della Salute del 20 ottobre 2009, la copertura vaccinale risulta maggiore in quanto la vaccinazione è iniziata prima
                              • il numero di dosi somministrate alle Forze armate dal ministero della Difesa sono riportate nella categoria a2 (24.584 su 229.583, per una copertura vaccinale pari all’11%).
                              • Il dato di copertura vaccinale risente della differente offerta e accettazione da parte delle categorie alle quali la vaccinazione è raccomandata ed è maggiore in quelle categorie a cui è stata data la precedenza nell’ordinanza del ministero della Salute del 20 ottobre 2009.



                              Gli accessi al pronto soccorso per sindromi respiratorie acute

                              Una rete sentinella di strutture di pronto soccorso segue l’andamento dell’influenza e garantisce la disponibilità di dati tempestivi
                              • il numero degli accessi relativi ai pronto soccorso monitorati è in linea con l’andamento stagionale atteso
                              • nella 7° settimana (15-21 febbraio 2010) il 6,1% di tutte le persone che si sono rivolte ai pronto soccorso è stato visitato per sindrome respiratoria acuta. Di questi, il 23,3% è stato ricoverato
                              • rispetto alla 6° settimana (8-14 febbraio 2010), il numero degli accessi per sindrome respiratoria acuta è rimasto invariato
                              • È stabile sia il numero di accessi al pronto soccorso sia quello dei ricoveri per sindrome respiratoria acuta, per tutte le fasce d’età. Nessuno dei valori osservati supera le due soglie di allerta calcolate con il modello, che tutte le settimane può subire modifiche a causa del continuo aggiornamento dei dati. L’analisi dei dati nazionali si basa sulle informazioni provenienti da 53 dei 59 pronto soccorso che hanno aderito alla sorveglianza. Pur risentendo delle diverse modalità di accesso al pronto soccorso, il sistema consente di rilevare tempestivamente l’andamento degli accessi per sindrome respiratoria, indicatore indiretto di una maggiore attività dei virus influenzali.



                              L’utilizzo dei farmaci: antivirali, antibiotici e analgesici

                              Obiettivo della sorveglianza è descrivere in maniera puntuale l’andamento nel tempo delle vendite di antivirali, antibiotici e analgesici (compresi gli antipiretici)
                              • sono stabili le vendite di antivirali: nella settimana tra l’8 e il 14 febbraio è stato registrato il valore di 1 pezzo ogni 100 mila abitanti, inferiore dell’1% a quello della settimana precedente
                              • al Centro si osservano i maggiori livelli di vendita di antivirali (1,4 pezzi ogni 100 mila abitanti). Il Nord è invece la zona in cui se ne vendono meno, con 0,6 pezzi per 100 mila abitanti
                              • a livello regionale c’è una notevole variabilità nelle vendite di antivirali: si va da un minimo di 0,2 pezzi ogni 100 mila abitanti in Emilia-Romagna a un massimo di 2,3 pezzi in Sicilia
                              • aumentano leggermente le vendite di antibiotici (+3%) e analgesici (+4%).
                              • Sono stabili le vendite di antivirali, in particolare nelle Regioni settentrionali. Antibiotici e analgesici fanno invece rilevare un lieve incremento delle vendite. Questi dati sono sostanzialmente in linea con la stabilità dell’incidenza delle sindromi influenzali.



                              L’andamento dei decessi da influenza A/H1N1v

                              Il sistema di sorveglianza dei decessi permette di descrivere l’epidemiologia dei decessi da virus dell’influenza A/H1N1v, anche in termini di possibili fattori di rischio e degli eventuali cambiamenti nel corso dell’epidemia
                              • nell’ultima settimana (15-21 febbraio) si sono verificati 2 decessi a causa dell’influenza A/H1N1v. In totale, dall’inizio dell’epidemia, sono stati registrati 235 decessi. Di questi, il 41% erano donne
                              • le fasce di età più colpite sono quella tra i 15 e i 44 anni (32% dei decessi) e quella tra i 45 e i 64 anni (33%)
                              • la Regione più colpita è la Campania con il 22% di tutti i decessi. Seguono poi la Puglia con il 15%, il Piemonte con il 11%, la Sicilia con il 9%, la Calabria e il Lazio con il 6% di decessi ciascuna. Due Regioni (Valle d’Aosta e Sardegna) non hanno segnalato alcun decesso.
                              • l’81% dei decessi è avvenuto in persone che presentavano almeno una condizione di rischio.
                              • I dati fanno riferimento alla data del decesso, non a quella della segnalazione da parte della Regione o della conferma di laboratorio del caso deceduto. Di conseguenza i risultati riportati ogni settimana potranno essere modificati, poiché possono verificarsi aggiornamenti nella registrazione dei dati on line anche dei casi deceduti nelle settimane precedenti.


                              (...)
                              -
                              ------

                              Comment

                              Working...
                              X